Un magnate immobiliare vende un condominio a New York per 15,3 milioni di dollari in Bitcoin

Il magnate americano Ben Shaoul ha venduto un condominio nel prestigioso quartiere Upper East Side di Manhattan per 15,3 milioni di dollari in Bitcoin (BTC). La notizia è stata riportata dalla rivista immobiliare The Real Deal l'1 novembre.

Shaoul, presidente del Magnum Real Estate Group, ha venduto la proprietà di oltre 1000 mq ad "Affluent International LCC", un'entità con sede in Taiwan.

BTC sempre più utilizzato nel settore immobiliare

Anche se Shaoul non ha rilasciato commenti, Eric Hedvat, il broker di Jet Real Estate che ha rappresentato Magnum nell'accordo, ha definito la transazione come "un processo senza interruzioni".

Nel 2018, Magnum ha portato a termine altre due vendite nello stesso edificio, sempre utilizzando Bitcoin. Una riguardava uno studio di 60mq al prezzo di 875.000$ e l'altro una camera da letto da 91 mq a 1,48 milioni di dollari.

Oltre a Magnum, il Real Deal ha osservato che anche una società di affitti a Brooklyn ha annunciato nel 2018 che avrebbe accettato i pagamenti in criptovaluta.

L'annuncio di una proprietà da 29 milioni di dollari nell'Upper East Side, commercializzata da Corocan, spiega che il venditore "accetta pagamenti in Bitcoin, Ethereum o Ripple".

Pagamento in Bitcoin per una chiesa del diciannovesimo secolo

Qualche settimana fa, come riportato da Cointelegraph, una chiesa inglese che ha oltre 150 anni è stata messa in vendita per la cifra di 1,5 milioni di dollari, pagabili sia Bitcoin che in denaro tradizionale.

La blockchain, la tecnologia alla base di Bitcoin, viene spesso implementata per cementare i diritti sulla proprietà di immobili e imprese, al fine di mitigare le frodi nei registri immobiliari.