LedgerX: l'ex presidente della CFTC ha bloccato la nostra approvazione per puro pregiudizio personale

La società di derivati ​​crypto LedgerX sostiene che Christopher Giancarlo, ex presidente della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti, abbia ostacolato l'approvazione della registrazione dell'azienda come Derivatives Clearing Organization (DCO) a causa di pregiudizi personali nei confronti del CEO Paul Chou.

Come riportato da Coindesk il 28 settembre, LedgerX ha formulato le accuse in due lettere ottenute dalla testata tramite un appello al Freedom of Information Act. La prima lettera, datata 3 luglio, afferma:

"Abbiamo forti motivi per ritenere che questo ritardo irragionevole, che è in evidente violazione del Commodity Exchange Act, sia correlato all'ostilità del presidente nei confronti di un post sul blog scritto dal nostro CEO."

Trattamento preferenziale

Anche se Giancarlo non ha risposto alle richieste di commenti avanzate da Coindesk, Chou ha confermato che le lettere sono reali, accurate e sono solo alcuni dei messaggi inviati dalla società alla CFTC. LedgerX sostiene che, a gennaio, Giancarlo abbia chiamato uno dei suoi membri del consiglio, spiegando:

“[Giancarlo] gli ha detto che si sarebbe assicurato che la nostra richiesta di DCO venisse revocata entro due settimane, a causa di un post sul blog da me scritto nell'anno precedente, in cui veniva sottointeso che le aziende più grosse stavano ricevendo trattamenti preferenziali in modo che il presidente potesse "cementare la propria carriera". Ciò si riferisce all'approvazione di ICE/Bakkt, che si stava trovando di fronte a diversi problemi che stavano frustrando il presidente."

Tuttavia, nonostante nelle lettere vengano indicati gli argomenti chiave, non è ancora chiaro a quale post Chou si riferisca esattamente.

Gli auditor "non hanno mai visto una cosa del genere"

Secondo l'articolo, la CFTC avrebbe chiesto a LedgerX di acquisire un'assicurazione e di condurre un audit SOC 1 di tipo 2. Inoltre, la società afferma che uno dei membri del personale della CFTC ha tentato di interferire con l'audit di LedgerX. La società osserva che alcuni auditor hanno dichiarato di "non aver mai visto una cosa del genere". Chou sostiene di aver addirittura ricevuto delle scuse:

“Il presidente precedente voleva revocare la licenza di LX perché la questione Bakkt non stava andando avanti. Non avendo alcun motivo legittimo per revocare la nostra licenza, lo staff ha poi deciso di contattare i nostri auditor indipendenti per manomettere l'audit e motivare la commissione a revocare la licenza. Lo staff l'ha poi ammesso e si è scusato."

Nella seconda lettera, datata 11 luglio, l'azienda osserva che anche la sua domanda è stata in sospeso per quasi 250 giorni (che ora sono più di 300). Secondo il rapporto, le leggi federali prevedono che la CFTC approvi o rifiuti una domanda entro 180 giorni.

Dipendenza dal concorrente diretto

Dalle lettere si evince anche che i requisiti della CFTC costringono LedgerX a fare rapporto all'ICE Trade Vault dell'Intercontinental Exchange, e quest'ultima società ha già lanciato il proprio servizio concorrente: Bakkt. Nella lettera del 3 luglio, LedgerX afferma di avere una registrazione audio di una chiamata con ICE:

"Abbiamo registrato, durante una telefonata in cui il personale di ICE pensava di aver disattivato l'audio, che gli era stato chiesto di ritardare il supporto per i nostri rapporti sui DSP in modo che non potessimo iniziare a fare trading - cosa che consideriamo incredibilmente anticoncorrenziale. Abbiamo presentato una denuncia formale a riguardo, ma non ci è stata data alcuna risposta. Un capo divisione ha poi in seguito ammesso, di persona al nostro COO, che avevo ragione nel dichiarare che certe entità venivano trattate in modo preferenziale dall'ufficio del Presidente."

Infine, Chou ha anche dichiarato alla testata di essere stato escluso dal Comitato consultivo tecnologico della CFTC:

"Non mi hanno detto perché, ma penso che il motivo sia abbastanza ovvio. [...] Uno dei problemi di cui avrebbero parlato ... era la custodia e LedgerX è essenzialmente l'unico membro che fa custodia al momento, quindi stavamo per mandarci Juthica. "

Come riportato da Cointelegraph a fine luglio, la CFTC ha confermato che i future Bitcoin fisici di LedgerX non sono ancora stati approvati dalla Commissione.