Ripple e MoneyGram: completato l’investimento iniziale di 50 milioni di dollari

MoneyGram, la seconda società di rimesse più grande al mondo, ha annunciato che Ripple ha completato la sua promessa iniziale con un investimento finale di 20 milioni di dollari.

In un comunicato stampa del 25 novembre, MoneyGram ha confermato che Ripple Labs Inc. ha effettuato un investimento azionario finale in MoneyGram pari a 20 milioni di dollari, come parte dell'impegno iniziale di Ripple di 50 milioni di dollari.

Un investimento complessivo pari a 50 milioni di dollari

Nel mese di giugno, le due società hanno annunciato di aver stretto una collaborazione strategica dalla durata di due anni al fine di realizzare un sistema per pagamenti internazionali e un regolamento delle operazioni di cambio con criptovalute. Come parte dell'accordo, MoneyGram sarebbe in grado di prelevare fino a 50 milioni di dollari da Ripple in cambio di azioni.

MoneyGram utilizzerà xRapid, la soluzione per pagamenti internazionali di Ripple, per consentire l'invio di denaro in una valuta e il trasferimento immediato nella valuta di destinazione. Sfruttando il token XRP per tali trasferimenti, xRapid può portare a termine le transazioni più velocemente rispetto alle valute legali o altri importanti asset digitali. Brad Garlinghouse, CEO di Ripple, ha commentato riguardo a quest'ultimo investimento:

"Il mese scorso, abbiamo annunciato che MoneyGram ha iniziato a utilizzare On-Demand Liquidity per i pagamenti nelle Filippine e siamo entusiasti di supportare l'ulteriore espansione di MoneyGram in Europa e Australia. Le criptovalute e la tecnologia blockchain hanno il potenziale per avere un enorme impatto sui pagamenti transfrontalieri — MoneyGram e Ripple ne sono un esempio [...] Nel mese di giugno abbiamo annunciato questa partnership, ed è incoraggiante vedere la rapida crescita e i benefici prendere vita."

Ripple ha acquistato il capitale di MoneyGram a 4,10 dollari per azione e ora deterrà il 9,95% delle azioni ordinarie di MoneyGram.

La maggior parte delle criptovalute varrà zero

In un’intervista rilasciata a Bloomberg il 5 novembre, Garlinghouse ha affermato che al momento ci sono troppe criptovalute: a suo parere, soltanto l'1% di esse avrà un futuro. Saranno proprio questi pochi progetti che sopravviveranno, ha dichiarato il CEO di Ripple, ad avere un impatto significativo, dato che si concentreranno sul risolvere problemi reali per clienti reali. 

Garlinghouse ha pertanto lasciato intendere che pochissimi saranno effettivamente in grado di soddisfare le esigenze dei clienti, e che la stragrande maggioranza di essi "arriverà probabilmente a valere zero":

"Ogni volta che c'è un nuovo mercato, ci sono molte persone che si buttano in quel mercato e provano a dimostrare di poter risolvere un problema, di poter soddisfare le esigenze dei clienti".