Nelle ultime 48 ore, il prezzo di Bitcoin (BTC) è salito da 9.160$ a 9.584$. Nonostante l’aumento del 4,6%, il sentiment di alcuni trader sta divenendo ribassista.

Secondo diversi analisti tecnici, la struttura di mercato di Bitcoin resta leggermente ribassista. Su intervalli più lunghi, 9.500$ potrebbe ancora essere tecnicamente un massimo decrescente. Il termine “massimo decrescente” si usa quando il recente picco di BTC è più basso dei massimi precedenti.

Grafico giornaliero di Bitcoin. Fonte: TradingView.com

Il 3 giugno, 10 giugno, 22 giugno e 22 luglio, BTC ha toccato rispettivamente i 10.473$, 10.180$, 9.794$ e 9.584$. Ogni picco è più basso dei precedenti, creando una formazione di massimi decrescenti.

I motivi della prospettiva ribassista a breve termine su Bitcoin

Alcuni trader sono ribassisti su Bitcoin per due ragioni principali, ovvero la struttura di massimi decrescenti e il volume in calo.

Il trader di crypto Zoran Kole, per esempio, ha commentato che la struttura di mercato ribassista sugli intervalli più lunghi rimane intatta. Sul grafico giornaliero, quattro massimi decrescenti consecutivi indicano una fase di consolidamento potenzialmente debole. Ha spiegato:

"La struttura di mercato ribassista sugli intervalli lunghi resta intatta. Non si dovrebbe usare un potenziale massimo decrescente come invalidazione per una posizione swing a meno che questo massimo decrescente è confermato da un minimo decrescente.

Aspetto pazientemente lo sweep a 95xx per aggiungere. Cerco di vendere a 9530-9580. Invalidazione chiara sopra i 97/98 (rottura nella struttura di mercato)."

Un potenziale massimo decrescente per Bitcoin su un intervallo più lungo. Fonte: Zoran Kole

Nel frattempo un trader conosciuto con lo pseudonimo di Crypto ISO ha suggerito che il mercato potrebbe assistere a un pullback se BTC segna un massimo decrescente. Per confermarlo, BTC dovrebbe cadere al di sotto dei 9.500$. Il trader ha commentato:

“Se questo è il massimo decrescente sarà dura per molte persone. Chi comprende la struttura di mercato lo capirà.”

Il trader DonAlt ha inoltre spiegato che, per confermare un trend ribassista nel breve termine, idealmente BTC dovrebbe scendere al di sotto dei 9.300$. Se BTC rimarrà sopra i 9.500$, la prospettiva di mercato nel breve termine potrebbe indebolirsi:

“Se oggi il prezzo chiude al di sopra della linea rossa (9.300$) potrei riconsiderare la mia prospettiva ribassista nel breve termine (la prospettiva ribassista nel medio termine resta). Se oggi il prezzo chiude al di sotto prenderò in considerazione short più aggressivi prima verso la linea verde (8.500$) e poi verso l’area verde (~7.000$).”

Linee rosse e verdi a cui fa riferimento il trader DonAlt

Variabili rialziste per BTC

Oltre a parametri tecnici e strutture di mercato, ci sono dei fattori più fondamentali che supportano una prospettiva rialzista per Bitcoin.

Per esempio, l’hash rate di BTC rimane resiliente, quindi l’ecosistema del mining è in buona salute. La pressione di vendita ridotta dai miner, insieme al calo degli afflussi verso gli exchange, suggeriscono che BTC potrebbe assistere a un trend rialzista.

I dati di Binance Futures mostrano che gran parte dei “top” trader sulla piattaforma resta per lo più long su Bitcoin. Invece, più del 50% dei trader ha posizioni short su criptovalute alternative con grandi market cap, come Ether (ETH) e XRP.

Raoul Pal, CEO di Global Macro Investor, ha commentato il 23 luglio che Bitcoin potrebbe riuscire a sovraperformare l’oro, il quale ha compiuto nelle ultime settimane una forte scalata. Ha affermato:

“L’altra scommessa è che probabilmente Bitcoin supererà anche l’oro. L’incrocio bitcoin/oro sembra potente ma deve ancora scoppiare.”

Resta da vedere se la struttura di mercato ribassista nel breve termine causerà un pullback, o se i fattori fondamentali rialzisti riusciranno a compensare il rischio.