Startup di eCommerce sudcoreana raccoglie 32 mln di dollari per creare uno stablecoin

In un comunicato stampa pubblicato mercoledì 29 agosto, il sito sudcoreano di e-commerce Ticket Monster (TMON) ha rivelato di aver concluso un round di finanziamenti da 32 milioni per il suo nuovo stablecoin Terra.

TMON, che vanta un fatturato complessivo di 4 mld di dollari, sta cercando di creare una criptovaluta interna che complementi il suo attuale token, Luna, che ha la funzione di asset collaterale sulla sua piattaforma blockchain.

A contribuire al round sono alcuni dei nomi più noti del settore delle criptovalute, tra cui Binance LabsOKEx e Huobi Capital nonché diversi fondi tra cui Polychain Capital.

"Per esperienza, so che transazioni più veloci e più sicure con costi equivalenti ad una frazione delle tariffe odierne potrebbero essere un punto di svolta per molte piattaforme di eCommerce", ha commentato il cofondatore di Terra Daniel Shin, definendo "immenso" il potenziale del token:

"Prevediamo che [Terra] verrà utilizzato per tutti i tipi e le forme di prodotti finanziari, come prestiti e assicurazioni".

Gli Stablecoin stanno guadagnando popolarità in vari settori dell'economia. Persino le banche, come per esempio la Lichtenstein's Union Bank, hanno scelto di emettere un proprio token, che di solito è ancorato ad una valuta fiat.

Intanto, l'iniziativa di TMON segna un altro cospicuo investimento per Binance. La divisione investimenti del colosso degli exchange ha in programma di creare un enorme fondo da 1 mld di dollari.

Il capo di Binance Labs Ella Zhang ha dichiarato che la ragione per la quale Binance ha deciso di investire nel progetto è la rete di partner già esistente che vuole utilizzare il token di TMON:

"Anche se vediamo emergere molti stablecoin, il progetto Terra è particolarmente significativo, in quanto si tratta di uno dei pochi protocolli a prezzo stabile con una strategia e un utilizzo go-to-market esistente, funzionante e forte."

Il beta test del sistema di pagamento Terra dovrebbe cominciare nel quarto trimestre 2018.