Peter Grosskopf, CEO di Sprott, ha ipotizzato la realizzazione di un oro digitale basato sulla blockchain

Peter Grosskopf, CEO della società di gestione patrimoniale Sprott, ha ipotizzato che la tecnologia blockchain renderà l'oro un asset più pratico e prezioso: tali commenti sono stati rilasciati durante un'intervista recentemente pubblicata su Kitco News.

Per quanto riguarda la fruibilità dell'oro nella vita di tutti i giorni, e come potrebbe essere migliorata grazie alla blockchain, Grosskopf ha commentato:

"Penso sia ragionevole criticare l'oro, in quanto nessuno di noi si reca in una stazione di servizio e acquista un pieno con delle monete d'oro. Ma in futuro l'oro potrà essere digitalizzato, piazzato su una blockchain: potrà essere spostato in maniera semplice e veloce, con costi estremamente ridotti. Potrebbe persino diventare uno strumento di pagamento. Verranno realizzate speciali carte che permettono l'acquisto di cose con l'oro, anche all'estero durante i propri viaggi."

Tuttavia, affinché l'oro possa sostituire in maniera efficace il denaro tradizionale, dovrà essere adottato da una base molto ampia di utenti. E la possibilità di utilizzare l'oro nella vita di tutti i giorni aiuterà certamente a realizzare questo obiettivo.

Ciononostante, Grosskopf opera una marcata distinzione fra l'oro digitale e il Bitcoin (BTC): il primo, a differenza del secondo, è legato ad un bene fisico. Sostanzialmente, l'oro digitale può essere quasi considerato una stablecoin. Al tempo stesso Bitcoin e l'ipotetico oro digitale proposto da Grosskopf presentano anche delle similarità: entrambe le valute si basano sulla tecnologia blockchain, che offre una maniera sicura di tracciare tutte le transazioni che avvengono sulla rete.

In passato Bitcoin è stato più volte definito "oro digitale". A febbraio di quest'anno Mike Novogratz, vecchio collaboratore di Goldman Sachs e fondatore della banca per criptovalute Galaxy Digital, ha discusso della recente proliferazione di nuove criptovalute, e del loro tentativo di competere con Bitcoin:

"Ci sono 118 elementi sulla tavola periodica, ma soltanto uno di questi è oro [...] Bitcoin diverrà l'oro digitale, un luogo che consente di possedere denaro sovrano. Non sono soldi statunitensi o cinesi, sono sovrani. E la sovranità costa parecchio, come è giusto che sia."