L'Italia presenta un progetto blockchain per tutelare il Made in Italy, in collaborazione con IBM

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha presentato il progetto pilota "La Blockchain per la tracciabilità del Made in Italy", realizzato in collaborazione con il colosso della tecnologia IBM.

Il progetto è stato presentato durante un evento a cui hanno preso parte il Ministro Stefano Patuanelli e l’Amministratore Delegato di IBM Italia, Enrico Cereda.

Scopo del progetto è la lotta alla contraffazione ed il sostegno ai prodotti Made in Italy. Il focus iniziale sarà sulla filiera del tessile italiano, un settore di grande rilevanza per le imprese del nostro Paese.

Stefano Patuanelli, Ministro dello Sviluppo Economico, ha dichiarato riguardo all'iniziativa:

"Oggi presentiamo i risultati di una prima sperimentazione del MiSE che utilizza la Blockchain e le tecnologie basate sui registri distribuiti. Stiamo lavorando a livello europeo nell'ambito della European Blockchain Partnership al fine di esportare il modello italiano di protezione delle filiere produttive attraverso le tecnologie emergenti. Pensiamo che in questo ambito il nostro Paese possa giocare un ruolo di leader a livello comunitario."

La fase di sperimentazione avviata in collaborazione con IBM, di cui è possibile leggere maggiori dettagli all’interno del documento ufficiale, punta ad utilizzare la tecnologia blockchain come strumento di garanzia per tracciabilità e trasparenza.

In particolare, il MiSE spiega all'interno del proprio comunicato stampa ufficiale:

"Con IBM, la fase di sperimentazione ha quindi prodotto un primo prototipo basato su piattaforma Blockchain, messa a disposizione delle aziende partecipanti via Cloud. Come caso di riferimento è stato scelto quello di un’azienda che emette al suo fornitore un ordine per un lotto di lino, verifica che la fibra sia certificata come biologica e ne realizza delle camicie per un particolare brand."