Iniziata la fase sperimentale di un protocollo capace di elaborare 60.000 transazioni al secondo

Una rete blockchain per lo scambio di asset digitali ha lanciato un nuovo protocollo incredibilmente veloce, capace di elaborare oltre 60.000 transazioni al secondo.

#MetaHash ha dichiarato che il suo protocollo, denominato #TraceChain, richiede appena tre secondi per approvare una transazione. La fase sperimentale del network geograficamente distribuito è già iniziata, e un browser gratuito è stato reso disponibile per piattaforme Windows, Linux e Mac OS X. Le applicazioni mobile per Android e iOS verranno rilasciate in seguito.

#TraceChain è solo una delle quattro componenti che formano l'intero sistema, le quali si uniscono per dare vita a "un'entità semplice e sinergica".

Tra le altre componenti troviamo #MetaHashCoin, un asset digitale che funge da strumento di pagamento all'interno della piattaforma. Questa moneta può essere scambiata per Bitcoin e Ethereum, e viceversa.

#MetaApps viene invece descritta come "una piattaforma rivoluzionaria per lo sviluppo di applicazioni decentralizzate". Tale piattaforma presenta un'interfaccia grafica particolarmente intuitiva, che la fa assomigliare ad un normale servizio in rete o alle applicazioni comunemente utilizzate dal pubblico. I progetti realizzati in altri linguaggi di programmazione possono essere inoltre facilmente convertiti in software #MetaApps.

"Anche applicazioni complesse, come YouTube e Facebook, possono essere decentralizzate con #MetaApps", spiega la compagnia sul white paper dedicato al progetto.

Il browser permette agli utenti di accedere sia alle applicazioni decentralizzate che ad un portafoglio multi-currency, chiamato #MetaGate.

"Contrariamente ad altre reti simili, #MetaHash è stato sapientemente progettato per poter elaborare enormi volumi di transazioni anche con un hardware relativamente poco costoso, che si traduce in alcune delle tariffe più economiche dell'industria", affermano gli sviluppatori del progetto.

Si prevede che il periodo di prova avrà inizio nel secondo trimestre del 2018, con oltre 200 server temporanei localizzati in tutto il mondo. Tali server verranno rimpiazzati dai nodi dei detentori di token una volta che questi verranno distribuiti. Nel complesso, la compagnia sostiene che la rete può elaborare velocemente oltre 5 miliardi di transazioni al giorno.

Transazioni veloci

#MetaHash ha comparato la velocità della propria rete a quella dei principali nomi dell'industria, come Bitcoin, Ethereum e EOS.

L'azienda afferma che il network può confermare una transazione in meno di tre secondi, per un numero complessivo che va da 60.000 a milioni di scambi al secondo.

Per contro, il Bitcoin richiede 10 minuti per confermare una transazione, e nel migliore dei casi può elaborarne fino a 12 al secondo. Ethereum è leggermente migliore da questo punto di vista: i tempi di approvazione sono di cinque minuti, e la rete può gestire circa 30 transazioni al secondo.

E infine c'è EOS, le quali transazioni vengono approvate in cinque secondi. Nonostante tale rete permetta di elaborare tra 1.000 e milioni di transazioni al secondo, il suo livello di decentralizzazione è minimo, a differenza di quanto offerto da #MetaHash.

Il fiore all'occhiello della blockchain

#MetaHash offre velocità senza precedenti in un network decentralizzato, con costi di transazione più bassi rispetto a qualsiasi altra blockchain tradizionale. Sono presenti cinque fasi di consenso prima che una transazione venga verificata, e l'azienda assicura che le informazioni archiviate all'interno di #MetaHash siano praticamente impossibili da modificare o danneggiare.

"Per fare ciò, sarebbe necessario attaccare con successo sia la rete #MetaHash che quella di Bitcoin, di Ethereum e di altre monete", spiega l'azienda.

La prima fase della sua Initial Coin Offering inizierà alle 12:00 UTC, in data 29 giugno 2018, e mira a distribuire 920.000.000 #MetaHashCoin (#MHC), equivalenti al 10% dell'emissione complessiva di token. Gli utenti interessati potranno acquistare #MHC al prezzo di 0,0391$ per unità, utilizzando BTC e ETH al tasso di cambio al momento dell'acquisto.

La compagnia ha dichiarato che i primissimi acquirenti dei token potranno beneficiare di un prezzo iniziale estremamente favorevole, almeno due volte inferiore rispetto a quello della prossima fase. Riceveranno inoltre i massimi vantaggi del "forging", il cui avvio è pianificato per agosto 2018.

#MetaHash spiega che, in quanto evoluzione del mining, il forging si basa su principi differenti, offrendo agli appassionati di criptovalute una serie di interessanti vantaggi: accessibilità e efficacia anche per i forger che operano da cellulare, bassi costi, nessun surriscaldamento o danno per l'ambiente, e ricompense per l'effettivo utilizzo dei token.

Dopo questa fase verranno rilasciate ulteriori componenti del network, compresi strumenti per sviluppatori di terze parti, test approfonditi della sicurezza e altre attività, tutte elencate sulla tabella di marcia del progetto. In tal modo verrà spianata la strada per il lancio di un sistema totalmente decentralizzato nel primo trimestre del 2019.

Avviso. Cointelegraph non sostiene alcun contenuto o prodotto presente su questa pagina. Sebbene puntiamo ad offrire quante più informazioni possibili, i lettori dovrebbero comunque effettuare ricerche approfondite e assumersi le responsabilità delle proprie azioni. Questo articolo non può essere considerato un consiglio d'investimento.