Molti investitori che seguono il settore crypto avranno certamente sentito parlare del crescente impatto dei mercati future e delle opzioni sul prezzo di Bitcoin (BTC). Lo stesso vale per le oscillazioni del prezzo causate da liquidazioni sugli exchange OKEx e Huobi.

Considerando che i derivati giocano ora un ruolo molto più grande nelle fluttuazioni di BTC, diventa necessario analizzare alcuni dei parametri chiave utilizzati dai trader professionisti per valutare l’attività nei mercati.

Anche se esaminare i contratti future e di opzione può essere piuttosto complicato, sapere come interpretare il premium dei future, il funding rate, lo skew delle opzioni e il rapporto put-call può essere comunque un vantaggio per i trader retail.

Il premium dei future

Il premium dei future misura quanto sono costosi i contratti future a più lungo termine rispetto al prezzo spot corrente sui mercati tradizionali. Può essere visto come una riflessione relativa dell’ottimismo tra gli investitori, e i future con scadenze fisse tendono ad avere un leggero premium rispetto ai normali exchange spot.

All’interno di mercati sani, i future a due mesi dovrebbero presentare un premium compreso tra lo 0,8% e il 2,3%, e qualsiasi cifra superiore a questo range denota un estremo ottimismo. Al contrario, l’assenza di un premium sui future indica un clima ribassista.

Premium dei contratti future a 2 mesi su BTC. Fonte: Digital Assets Data

La scorsa settimana è stata molto movimentata, e il 24 novembre l’indicatore ha raggiunto il 2% mentre il prezzo di Bitcoin toccava il picco di 19.434$.

Anche se il premium si trova attualmente a 1,1%, la cosa più significativa è, che nonostante un crollo del 14%, l’indicatore sia rimasto sopra lo 0,8%. Generalmente, gli investitori considerano questo livello rialzista, e oggi possiamo vedere che il prezzo di Bitcoin ha segnato un nuovo massimo sopra i 19.900$.

Il funding rate dei future perpetui

I contratti perpetui, conosciuti anche come inverse swap, hanno una commissione integrata che solitamente viene applicata ogni otto ore. I funding rate garantiscono che non ci siano squilibri nel rischio di cambio. Anche se l’open interest tra compratori e venditori è pari in qualsiasi momento, la leva finanziaria può variare.

Quando i compratori (long) sono la sponda che richiede più leva, il funding rate diventa positivo. Di conseguenza, toccherà a loro pagare le commissioni. Questo è particolarmente rilevante in periodi di bull run, quando il mercato vede solitamente una maggiore domanda per i long.

Tassi sostenibili sopra il 2% a settimana si traducono in estremo ottimismo. Questo livello è accettabile durante rally di mercato ma problematico se il prezzo di BTC si muove lateralmente o al ribasso.

In situazioni come queste, la leva elevata dei compratori introduce il potenziale rischio di grandi liquidazioni dovute a improvvise contrazioni del prezzo.

I funding rate dei future perpetui su BTC. Fonte: Digital Assets Data

Osserva come, nonostante la recente bull run, il funding rate settimanale sia rimasto inferiore al 2%. Questi dati indicano che, sebbene i trader siano ottimisti, i compratori non erano sovraindebitati. Analogamente, durante il crollo di 1.400$ del 26 novembre, l’indicatore ha mantenuto un sano livello neutrale.

Lo skew delle opzioni

A differenza dei contratti future, le opzioni sono divise in due segmenti. Le opzioni call (compra) consentono di acquistare BTC a un prezzo fisso alla data di scadenza. Al contrario, il venditore dello strumento sarà obbligato ad effettuare la vendita di BTC.

L’indicatore 25% delta skew mette a confronto opzioni call (compra) e put (vendi) equivalenti. Se la protezione contro aumenti del prezzo usando opzioni call è più costosa, l’indicatore skew si sposta verso la fascia negativa. Stessa cosa per lo scenario opposto in cui gli investitori sono ribassisti, causando un premium sulle opzioni put e lo spostamento dell’indicatore skew in territorio positivo.

Oscillazioni comprese tra -15% (leggermente rialzista) e +15% (leggermente ribassista) sono ordinarie e prevedibili. Nella maggior parte dei casi, è molto insolito per qualsiasi mercato rimanere piatto o vicino allo zero.

Quindi, i trader dovrebbero monitorare situazioni più estreme in quanto possono indicare che i market maker non sono disposti a rischiare su uno dei due fronti.

Il 25% delta skew delle opzioni a 3 mesi su BTC. Fonte: Skew.com

Il grafico riportato sopra mostra che, dal 5 novembre, i trader di opzioni sono restii ad aprire posizioni che li espongano a un rischio al rialzo. Di conseguenza, i trader giudicheranno questa situazione come notevolmente rialzista.

Il rapporto put-call delle opzioni

Misurando il rapporto dell’attività in opzioni call (compra) e opzioni put (vendi), è possibile valutare il sentiment di mercato complessivo. In generale, le opzioni call vengono usate per strategie rialziste, mentre le opzioni put si applicano a piani ribassisti.

Un rapporto put-call di 0,70 indica che l’open interest delle opzioni put è inferiore del 30% rispetto a quello delle opzioni call, ed è quindi considerato rialzista.

Al contrario, un valore di 1,20 favorisce le opzioni put del 20%, lettura che può essere giudicata ribassista. Occorre sottolineare che l’indicatore aggrega l’intero mercato delle opzioni su BTC, inclusi tutti i contratti mensili fissi.

Rapporto put-call delle opzioni su BTC. Fonte: Skew.com

In situazioni come quella attualmente osservata nel mercato, è del tutto naturale che gli investitori cerchino protezione al ribasso mentre BTC supera i 19.000$ nonostante il rapporto put-call ben al di sotto della sua media a 6 mesi di 0,90. L’attuale livello di 0,64 indica uno scarso pessimismo tra i trader professionisti.

Complessivamente, questi quattro indicatori chiave sono rimasti stabili, soprattutto considerando che il mercato ha appena visto un pullback piuttosto traumatico in cui il prezzo di BTC ha rivisitato i 16.200$.

Con il prezzo nuovamente sopra i 19.500$, quasi ogni investitore vuole sapere se Bitcoin ha abbastanza forza da superare il suo massimo storico nei prossimi giorni,

Dal punto di vista dei mercati di derivati, non c’è nulla che possa trattenerlo.

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo appartengono unicamente all’autore e non riflettono necessariamente i punti di vista di Cointelegraph. Ogni investimento e operazione di trading comporta dei rischi. Dovresti condurre una ricerca propria quando prendi una decisione.