L'ex CTO di Algo Capital si assume la piena responsabilità per il recente furto di 1-2 milioni di dollari

L'ormai ex Chief Technical Officer (CTO) di Algo Capital, divisione dedicata agli investimenti della società blockchain Algorand, ha pubblicato una dichiarazione in seguito alla grave violazione del wallet ALGO da lui gestito personalmente.

Un gruppo di hacker è recentemente riuscito a compromettere il cellulare di Pablo Yabo, vecchio CTO di Algo Capital, portando al furto di circa 1-2 milioni di dollari in token Tether (USDT) e Algorand (ALGO).

Rendere i fondi sicuri e versatili rimane molto complesso

Nella propria dichiarazione, Yabo ha scritto che questo incidente lo ha portato ad una riflessione:

"Lo stato corrente dell'ecosistema rende molto difficile rendere i fondi sicuri, e al tempo stesso poterli utilizzare in maniera versatile. È ancora estremamente complicato garantire la sicurezza dei fondi per le istituzioni e contemporaneamente renderli prontamente disponibili. Fino a che questo problema non verrà risolto, l'adozione globale di questa tecnologia da parte dei business non accadrà."

Yabo ha inoltre spiegato che gli hacker hanno agito molto rapidamente: in pochi minuti sono riusciti a mettere le mani su file importanti, trasferendo poi le criptovalute verso svariati account e disperdendo i fondi in vari exchange.

Assumendosi la piena responsabilità del furto, Yabo ha svelato che coprirà personalmente la maggior parte dei fondi rubati. Il denaro rimanente verrà rimborsato da Algo Capital General Partners.

Al momento della stesura di questo articolo, Algorand (ALGO) è la 18° criptovaluta più importante per capitalizzazione di mercato. I movimenti giornalieri appaiono stabili, ma il grafico settimanale mostra una contrazione di oltre il 14%.