La Bank of America rivela un brevetto su un sistema d'archiviazione dati basato su Blockchain

In data 12 aprile, il Patent and Trademark Office degli Stati Uniti ha pubblicato una domanda di brevetto appartenente alla Bank of America, che descrive un sistema d'archiviazione basato su Blockchain con autenticazione automatica dei dati.

Il documento, presentato originariamente nell'ottobre del 2016, illustra un sistema basato su Blockchain per l'autenticazione dei dati, che permetta l'accesso sicuro alle informazioni da parte dei fornitori di servizi. In particolare, il brevetto punta a risolvere il problema del trasferimento e del tracciamento dei dati utilizzando chiavi crittografiche:

"L'invenzione utilizza una Blockchain privata per archiviare varie tipologie di registri, da trasmettere ai fornitori di servizi. Sia singoli utenti che entità più grandi possono archiviare i propri dati sulla Blockchain in maniera sicura, per poi offrire ai fornitori di servizi accesso soltanto a specifiche aree di tali archivi, in base alle loro autorizzazioni. Ad esempio, un fornitore di servizi sanitari potrà accedere soltanto ai dati medici sulla Blockchain."

Il documento sottolinea inoltre i vantaggi di una Blockchain rispetto ai metodi di archiviazione tradizionale, specialmente per quanto riguarda la condivisione di dati. Solitamente infatti i file vengono allegati a delle e-mail, oppure caricati in maniera diretta sui server del fornitore del servizi: tuttavia tali sistemi risultano particolarmente vulnerabili a manomissioni, in quanto "manchevoli di meccanismi integrati per l'autenticazione dei registri".

Secondo l'autore, un sistema basato su Blockchain sarebbe invece una maniera efficiente, sicuro ed affidabile di archiviare i propri dati e fornire accesso solo alle entità autorizzate.

Questo mese, anche la Bank of England, in collaborazione con la start-up Chain, ha rilasciato un documento nel quale viene spiegato come configurare un sistema d'archiviazione distribuito che garantisca la privacy dei partecipanti, condividere dati con tutta la rete, ed abilitare un organo normativo che controlli ogni singola transazione.

A marzo, la Banca Centrale della Malesia ha rivelato i propri piani di integrare la tecnologia Blockchain nel settore bancario, annunciando che nove istituzioni nazionali collaboreranno per rendere tale progetto una realtà.