Completato l'hard fork di Bitcoin Cash, rilevato il primo blocco non valido

L'hard fork della rete Bitcoin Cash è stato completato come previsto: BitMEX Research ha infatti notato il primo blocco considerato non valido dalla versione precedente del client, come confermato in un tweet del 15 novembre.

Il sito Fork Monitor ha rilevato che il blocco ad altezza 609.136 è considerato non valido dal client Bitcoin ABC 0.19.0, mentre è stato accettato da Bitcoin ABC 0.20.6, a riprova della riuscita dell'hard fork.

Il blocco è stato minato dalla mining pool BTC.com alle 13:44 UTC, con una block size di 0,2 MB e 651 transazioni. Le versioni precedenti di Bitcoin ABC resteranno ora bloccate o seguiranno una chain diversa.

Semplici modifiche all'algoritmo di consenso, ma restano i problemi di adattamento della difficoltà

Come riportato in precedenza da Cointelegraph, l'hard fork ha portato dei cambiamenti relativamente semplici all'algoritmo di consenso, che non si pensava avrebbero causato uno split della chain.

Tuttavia, la comunità di Bitcoin Cash sembra parecchio preoccupata per il fatto che il controverso Difficulty Adjustment Algorithm non è stato modificato. Esso aggiorna la difficoltà di ogni blocco BCH basandosi sugli ultimi 144 blocchi o, approssimativamente, sui blocchi minati nelle ultime 24 ore.

Si teme che alcuni miner stiano sfruttando l'algoritmo per ottenere un vantaggio, causando delle curiose fluttuazioni dell'hash rate e della difficoltà.