Bitcoin scende sotto quota 9.000$, gli altcoin perdono il 16% a causa delle ultime normative

Il prezzo di Bitcoin (BTC) è sceso sotto i $ 9.000, arrivando fino a 8.539$ di venerdì 9 marzo, secondo i dati di CoinMarketCap. Al momento della stesura di questo articolo, Bitcoin è scambiato a una media di 8.809$, in calo del 9 percento rispetto alle ultime 24 ore.

Bitcoin Price Chart

Rispetto al massimo settimanale di 11.675$ del 5 marzo, Bitcoin ha perso quasi il 27%. Gli altcoin della top 10 di CoinMarketcap hanno subito perdite fino al 16%, rispetto a quelle del 4% verificate nella giornata di ieri.

Chart

Immagine: coin360.io

Il market cap totale ha raggiunto il minimo mensile di 344 miliardi di dollari proprio oggi, e attualmente si attesta attorno ai 358 miliardi di dollari.

Total Market Capitalization

Tra gli altcoin più popolari, NEO ha perso circa 34 punti percentuale in una settimana, passando dalla quotazione di 130$ del 2 Marzo agli 86$ di oggi.

Anche Ethereum (ETH) ha toccato un minimo mensile; non scendeva sotto i 700$ dal 6 febbraio. Attualmente, viene scambiato a circa 686$, circa il 6% in meno rispetto alla giornata di ieri.

È probabile che questa regressione sia stata causata dalla dichiarazione della Securities and Exchange Commission (SEC) del 7 marzo, che ha richiesto la registrazione presso l'ente di tutti gli exchange, e aggravata dagli 'avvisi di pena' emessi l'8 marzo dalla Japanese Financial Services Agency (FSA) a 7 piattaforme.

Come riportato da Cointelegraph nella giornata di ieri, diversi rapporti hanno concluso che il calo generale da fine dicembre è il risultato di una svendita di 400 milioni di dollari in criptovalute da parte di un fiduciario di Mt.Gox, in precedenza il più grande scambio di Bitcoin nel mondo, prima che andasse in bancarotta nel 2014 a seguito di un massiccio attacco hacker.