Cina: Shenzhen identifica 39 exchange di criptovalute che violano il divieto di trading

Gli exchange di criptovalute che operano illegalmente nella città cinese di Shenzhen dovranno fare i conti con un ulteriore giro di vite del governo.

Secondo quanto riportato dal sito di notizie locale Sanyan Finance il 22 novembre, le autorità di Shenzhen hanno identificato un totale di 39 exchange che operano in violazione del divieto di trading di criptovalute in vigore nel Paese.

L'indagine della PBoC si concentra su Bitcoin ed Ethereum

L'operazione ha visto la partecipazione della People’s Bank of China (PBoC), la banca centrale del Paese, dell'Ufficio per le Indagini Economiche della città e dell'Amministrazione Comunale delle Comunicazioni.

Non si sa ancora quali saranno le conseguenze per gli exchange, ma Sanyan sottolinea che l'obiettivo dell'azione del governo della città potrebbe essere quello di reprimerne la liquidità.

Cointelegraph aveva già evidenziato l'esistenza del programma di Shenzhen, che sembra prendere di mira anche le entità al di fuori del settore degli exchange.

Binanace: non c'è stato alcun raid della polizia

La Cina continua a presentare delle posizioni contrastanti per quanto riguarda le criptovalute. Dopo aver espresso pubblicamente il suo supporto per la tecnologia blockchain nel mese scorso, i media cinesi hanno emesso degli avvisi che invitano a non interpretare le parole del presidente Xi Jinping come un'approvazione di fenomeni come Bitcoin.

Intanto, questa settimana, l'exchange di criptovalute Binance ha smentito le voci secondo cui la polizia avrebbe fatto irruzione nel suo ufficio a Shanghai. Poco dopo, gli exchange Bithumb hanno negato di aver intenzione di chiudere i propri uffici nella città.

"Ne abbiamo sentito parlare da alcuni media. Tuttavia, al momento non abbiamo ricevuto istruzioni specifiche", ha dichiarato un rappresentante di Huobi.

Il CEO di Binance Changpeng Zhang ha elogiato le misure del governo di Shenzhen, sostenendo che aiuteranno a rimuovere i "cattivi attori" dal settore.

"In realtà si tratta di uno sviluppo molto positivo, ripulirà l'industria da truffatori e impostori", ha scritto in risposta al partner fondatore di PrimitiveCrypto Dovey Wan.

Wan aveva affermato che gli obiettivi della manovra sono "molto probabilmente schemi Ponzi e truffe crypto, che sono molto popolari a Shenzhen".