De Beers ha tracciato dei diamanti utilizzando la tecnologia Blockchain per la prima volta

Il gigante mondiale dei diamanti De Beers ha annunciato di aver tracciato 100 diamanti di alto valore dalla miniera al rivenditore utilizzando la tecnologia blockchain. Secondo un comunicato stampa del 10 maggio, questa è la "prima volta che il percorso di un diamante è stato digitalmente tracciato dalla miniera al rivenditore".

De Beers sostiene che la sua nuova piattaforma, Tracr, verrà lanciata entro la fine di quest'anno e sarà disponibile all'intera industria dei diamanti. Secondo quanto riferito, l'obbiettivo del progetto è quello di assicurare al pubblico e ai consumatori che i diamanti di De beers siano "diamanti no-conflict", oltre ad aumentare l'efficienza della catena di distribuzione. I "diamanti di conflitto" sono diamanti grezzi estratti in una zona di guerra e scambiati per finanziare illecitamente i combattimenti.

La piattaforma Tracr è stata sviluppata da De Beers insieme a cinque importanti produttori di diamanti: Diacore, Diarough, KGK Group, Rosy Blue NV e Venus Jewel. Il CEO del gruppo De Beers Bruce Cleaver ha dichiarato:

"Il team del progetto Tracr ha dimostrato di poter tracciare con successo un diamante lungo la catena del valore,  fornendo una garanzia di tracciabilità delle attività in un modo mai visto prima. Questo è un importante passo avanti reso possibile dall'impegno dei partecipanti alla sperimentazione, che condividono la nostra dedizione per il progresso e l'innovazione del settore... "

Tracr assegna un "Global Diamond ID" univoco che registra le singole caratteristiche del diamante, come caratura, chiarezza e colore. I dati vengono quindi consolidati su un ledger digitale immutabile. Tracr verifica tali dati durante ogni movimento del diamante lungo la catena di distribuzione. Il progetto è stato inizialmente annunciato a gennaio.

Da molto tempo, le società di tutto il mondo provano a frenare il commercio dei cosiddetti "diamanti insanguinati". Il sistema di certificazione del processo di Kimberley è stato formato da una risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2000, vincolando i partecipanti a una serie di standard e certificazioni legalmente applicabili nell'industria dei diamanti . Mentre il sito web del processo Kimberley afferma di aver bloccato il 99,8% dei diamanti provenienti da zone in conflitto, l'ONG canadese Impact è uscita dall'accordo a gennaio, ritenendo il progetto non sufficiente.

De Beers, fondata nel 1888, opera in 35 paesi, con miniere in Botswana, Namibia, Sud Africa e Canada. De Beers deteneva il monopolio del commercio mondiale dei diamanti fino all'inizio del XXI secolo, quando la pressione dei principali paesi e una maggiore sensibilizzazione del pubblico sul tema dei diamanti di conflitto li ha spinti a cambiare il loro modello di business. Nel 2014 il commercio mondiale di diamanti ha avuto un valore di 81,4 mld di dollari.

Ad aprile, i leader delle industrie dei diamanti e dei metalli preziosi hanno collaborato con IBM per sviluppare l'iniziativa Trust Chain, una piattaforma blockchain pensata per fornire una maggiore trasparenza nel settore. Proprio come Tracr, l'iniziativa ha l'obbiettivo di tracciare metalli preziosi e gemme dal loro luogo di origine al rivenditore.

A febbraio, la società canadese Lucara Diamond ha nominato un nuovo CEO, con l'intenzione di modernizzare l'azienda. Eira Thomas guiderà la società dopo l'acquisto di Clara Diamond Solutions, una piattaforma digitale che utilizza la tecnologia blockchain per garantire la provenienza dei diamanti.