Meeting dei dev core di Ethereum: hard fork Costantinople e difficulty bomb i temi trattati

Il 24 agosto, i core developer di Ethereum (ETH) hanno tenuto un meeting su YouTube sullo stato di avanzamento dell'implementazione del client e sui test degli Enterprise Integration Patterns (EIP) per il prossimo hard fork di Constantinople.

L'incontro è iniziato con una discussione sugli ultimi aggiornamenti riguardanti i processi di test di blockchain non-proof e i progressi raggiunti dai principali client ETH. Uno degli sviluppatori ha evidenziato che è necessario rinnovare alcuni test per evitare potenziali problemi di consenso.

Questa settimana sono state rilasciate una serie di nuove funzionalità: tuttavia, gli sviluppatori hanno notato un'instabilità con una "enorme" e importante riscrittura del miner, che dovrebbe essere risolta dal prossimo aggiornamento. Gli sviluppatori hanno intenzione di rilasciare un'altra versione entro lunedì, "al fine di completare l'intera operazione" e finalizzare il problema relativo al mining.

Per quanto riguarda l'hard fork di Costantinopoli, non ci sono grosse novità rispetto a due settimane fa. Gli sviluppatori hanno segnalato diverse correzioni di bug e nuove modifiche per il testnet, osservando inoltre che l'EIP-1211 non sarà incluso nel prossimo fork.

Gli sviluppatori hanno anche deciso che è molto meglio che la rete sia in linea con i tempi e rilasci nuovi hard fork a tempo debito, anziché accelerare lo sviluppo di nuovi EIP o ritardare quelli già pronte per l'implementazione a scapito di quelli ancora in fase di sviluppo.

Riguardo la possibilità di avere un secondo hard fork, nel caso in cui sia "davvero difficile integrare tutti gli EIP in quello di Costantinople", uno degli sviluppatori ha commentato:

"Se dovessivo ritardare ancora, vorremmo avere più funzioni per questo particolare hard fork [Costantinople] e dovremmo discutere se va bene avere molti cambiamenti in un fork, o è meglio avere meno cambiamenti in molti hard fork".

Gli sviluppatori hanno anche deciso di rilasciare nuovi hard fork ogni otto mesi dopo quello di Costantinopoli. Una proposta di rilascio ogni sei mesi è stata invece respinta, in quanto creerebbe troppa pressione per il team di sviluppo.

Un'ulteriore discussione è stata dedicata alla questione dell'aggiunta di una "difficulty bomb" e del suo impatto sulla riduzione dei block reward. Secondo gli sviluppatori, l'EIP-858 ridurrebbe i block reward a 1 ETH per blocco, l'EIP-1234 a 2 ETH, mentre l'EIP-1295 li manterrebbe a 3 ETH, influenzando però altri fattori, come la struttura del sistema proof-of-work (PoW).

Per determinare quale dei tre possibili scenari sia preferibile, gli sviluppatori hanno interpellato i membri della comunità. Alcuni dei partecipanti hanno sottolineato l'impatto ambientale dell'mining di ETH, mentre altri hanno insistito sulla riduzione della redditività o addirittura sull'esclusione dei miner ASIC dalla rete ETH. Alla fine, i partecipanti alla discussione non hanno raggiunto un punto di vista comune, così gli sviluppatori hanno deciso di tenere un'altra riunione la prossima settimana, il 31 agosto.

Al momento della stesura di questo articolo, 1 ETH è scambiato per circa 281$, circa il 10% in meno rispetto ad una settimana fa e il 41% percento rispetto al mese scorso.