Il 4 gennaio, Bitcoin (BTC) ha ricevuto un regalo di compleanno appropriato seppure fortuito, quando il Financial Times ha inserito un articolo sulla criptovaluta in prima pagina nel 12° anniversario del suo blocco genesi.

Rilasciata lunedì, la prima pagina del FT ha già fatto il giro dei social media crypto già prima della pubblicazione.

12 anni dopo, nessun bailout: solo Bitcoin

La colonna di sinistra della prima pagina è stata dedicata al rialzo di Bitcoin, mentre il relativo grafico dei prezzi ha fatto da immagine di copertina del giornale.

Grafico settimanale di BTC/USD (Bitstamp). Fonte: Tradingview

Il tempismo non sarebbe potuto essere più perfetto, appena un giorno dopo il 12° compleanno di Bitcoin. Il 3 gennaio 2009 un altro giornale mainstream, l’inglese The Times, aveva aperto la prima pagina con l’ormai celebre titolo "Il cancelliere sull'orlo di un secondo salvataggio per le banche," che è stato aggiunto al primo blocco di transazioni di Bitcoin, conosciuto anche come blocco genesi.

Nel 2021, Bitcoin condivide la prima pagina di FT con un articolo sui lockdown per contrastare la pandemia di coronavirus, un quadro considerato da alcuni particolarmente azzeccato. Queste misure hanno causato un enorme danno economico, provocando la stampa di moneta su una scala senza precedenti.

Ovviamente, i sostenitori di Bitcoin hanno celebrato la notizia. “Nel primo giorno lavorativo del 2021, #Bitcoin prende il posto che gli spetta in cima al Financial Times,ha riassunto Michael Saylor, CEO di MicroStrategy, ai suoi follower su Twitter, aggiungendo una citazione dell’autore francese Victor Hugo.

“Appena pubblicata: prima pagina dell’edizione internazionale del Financial Times per lunedì 4 gennaio”

Nel 2021, il settore crypto fa mangiare la polvere agli asset tradizionali

Come segnalato da Cointelegraph, Bitcoin ha iniziato il 2021 distinguendosi già come investimento macro, superando categoricamente gli asset tradizionali in soli quattro giorni. La stessa cosa è avvenuta nel 2020 e gran parte degli anni precedenti, con poche altre criptovalute e più tardi le azioni Tesla come unica concorrenza significativa.

Bitcoin e Ether sono già i più grandi successi del 2021,” ha twittato il co-fondatore dell’exchange Gemini, Tyler Winklevoss, all’inizio della settimana.

Il 3 gennaio ha assistito anche a un netto calo delle riserve sugli exchange, rievocando un’iniziativa organizzata da tre anni a questa parte Trace Mayer, "OG" di Bitcoin.

Denominata “Proof of Keys”, l'iniziativa di Mayer esorta gli investitori a rimuovere in massa le loro monete dagli exchange, così da prendere il controllo delle proprie finanze e rispettare l’ethos di Bitcoin di “essere la propria banca.”

Lunedì, tuttavia, il trend si era già invertito, con un’improvvisa volatilità in Bitcoin e il ritorno dei fondi negli order book degli exchange.