Tom Lee: il pullback di Bitcoin è salutare, così come il minor numero di ricerche

In un tweet del 14 luglio, il cofondatore di Fundstrat Global Advisors Thomas Lee ha definito "salutare" il recente pullback di Bitcoin (BTC).

Lee ha inoltre evidenziato un calo nelle ricerche di Bitcoin su Google:

"Per quanto riguarda il basso traffico delle ricerche di Bitcoin, credo sia anch'esso un buon segno. Significa che i rialzi di Bitcoin non sono stati accompagnati da un forte hype."

Secondo il servizio di analisi Google Trends, le ricerche di Bitcoin su Google negli Stati Uniti sono diminuite del 45% circa rispetto al picco registrato a fine giugno.

Google search data for Bitcoin in the U.S. Source: Google Trends

In un'intervista rilasciata a Bloomberg il 12 luglio, il CEO dell'exchange di criptovalute Binance Changpeng Zhao ha dichiarato che l'ultima impennata è stata guidata soprattutto dagli investitori retail, che rappresentano ancora il 60% circa del volume di trading totale:

"Non abbiamo registrato una crescita più veloce del trading istituzionale. [...] Quello che abbiamo constatato è un aumento in entrambe le categorie. Nel 2019, il numero di istituzioni entrate in questo settore non è ancora cresciuto in modo così enorme."

Bloomberg ipotizza che anche il margin trading è un altro dei fattori che hanno contribuito alla crescita dell'ultimo periodo. La funzionalità, che consente ai trader di utilizzare i loro fondi esistenti come garanzia per aprire posizioni long e short, è stata implementata da Binance pochi giorni fa. Zhao ha commentato:

"Direi che la maggior parte delle persone utilizzerà il margin trading entro fine anno. [...] Per essere sinceri, usarlo è abbastanza sicuro. Ci sarà più volume di trading e potenzialmente maggiore volatilità ".

A fine giugno, Thomas Lee ha affermato che, vista la volatilità di Bitcoin, l'approccio più appropriato per la maggior parte dei trader è quello a lungo termine.