Bobby Lee “incolpa” suo fratello Charlie, il fondatore di Litecoin, di aver causato il crollo del prezzo di Bitcoin nel 2017/2018. Ovviamente scherza... più o meno.

Charlie ha notoriamente venduto l’ultima tranche delle sue riserve di Litecoin a dicembre 2017 per 350$ l’uno. Bobby ricorda quando la notizia si è diffusa su Twitter. “Ho pensato, oddio, probabilmente questo segna il massimo,” spiega.

“Scherzando, gli ho detto qualcosa come ‘hai appena causato la fine del bull market’.”

È ovvio che Charlie non è stato il vero motivo per cui il bull market è finito, ma ha avuto un tempismo di mercato formidabile considerando che ha venduto l’ultima di tre tranche di LTC quasi al massimo esatto del prezzo. Non è stato un colpo di fortuna, Charlie aveva previsto a inizio dicembre che un “bear market pluriennale” con correzioni del 90% era imminente.

La domande è se i crypto trader e gli HODLer ordinari possono seguire l’esempio di Charlie e vendere in prossimità del prossimo picco di mercato, per poter comprare di nuovo e accumulare vicino al minimo del prezzo.

Non è un’impresa facile, e la maggior parte ha più probabilità di fare come il podcaster Peter McCormack, che si è fatto prendere dall’hype del 2017 e ha guardato il suo portafoglio di Bitcoin decollare a 1,2 milioni di dollari… e in seguito precipitare vicino allo zero dopo aver dovuto vendere le sue riserve per pagare le bollette nel cuore del crypto winter.

Alcune delle menti più brillanti nel settore crypto stanno lavorando su questo problema, dall’analista on-chain Willy Woo a David Puell, noto per il Puell Multiple, così come Filbfilb e Philip Swift di Decentrader. Intorno al 2018, hanno iniziato a elaborare parametri e indicatori basati su pattern storici per aiutare a determinare quando massimi e minimi si stanno avvicinando.

Ci sono molte opinioni differenti sull’effettiva possibilità di azzeccare il momento giusto nel mercato. Bobby Lee si affida ai cicli di halving, mentre Mati Greenspan di Quantum Economics e Scott Melker credono sia meglio seguire regole ragionevoli sulla vendita di realizzo e sullo sviluppo del portafoglio che non richiedono di prevedere eventi in anticipo.

L’imprevedibilità dei mercati è stata evidente durante la stesura di questo articolo, che ho iniziato a scrivere ad aprile e in seguito ho dovuto sospendere per quattro mesi dopo che le notizie dalla Cina e l’account Twitter di Elon Musk hanno fatto crollare i mercati facendo sembrare la bull run un lontano ricordo.

Ad ogni modo, tutti i commentatori intervistati concordano che dovresti provare a realizzare profitti mentre il prezzo sale.

“Ogni bull run crypto che ho visto è stata seguita da un ciclo ribassista. Il mercato ha bisogno di tempo per consolidarsi. Questa è la mia esperienza da 7 anni nel settore. Quanto in basso arriverà e quanto durerà resta da vedere. La gente deve essere consapevole di questa possibilità e investire responsabilmente.”

Lezioni di storia: altri quattro anni

Bitcoin non esiste da abbastanza tempo per trarre conclusioni definitive dai precedenti storici, ma secondo una convinzione diffusa si muove in cicli prevedibili legati agli halving.

Questi eventi vedono il block reward distribuito ai miner di Bitcoin dimezzarsi ogni quattro anni, riducendo l’emissione di nuovi BTC. La teoria è che meno Bitcoin significa prezzi più alti, e finora il prezzo ha toccato il suo minimo poco prima dell’halving e ha raggiunto nuovi massimi storici in seguito a tale evento.

Lee è un sostenitore dell’idea da quasi un decennio, e a dicembre 2013 ha presentato il concetto durante un discorso presso la Stanford University.

Sono un uomo semplice,” afferma Lee, CEO di Ballet e autore del nuovo libro ‘The Promise of Bitcoin’. “Non posso prevedere il futuro, ma in base al mio istinto e ai miei 10 anni di esperienza credo che questi cicli del prezzo seguano l’halving del block reward. È una vera leva economica che coinvolge Bitcoin, in cui il tasso di produzione diminuisce della metà.

“In ciascun caso, il movimento rialzista del prezzo avviene in seguito all’halving del block reward.”

Se la teoria è corretta, e sembra aver funzionato finora, considera solo l’offerta e non la domanda, e non è ancora molto utile nel determinare quando i mercati sono destinati a segnare un massimo. Il primo halving ha visto il prezzo toccare il suo minimo un anno prima e il suo picco un anno più tardi. Il secondo e terzo halving hanno visto il prezzo segnare minimi e massimi a più di 500 giorni di distanza dall’evento.

Il picco di aprile ha solo segnato un aumento di tre volte rispetto al massimo precedente, quindi Lee crede che questo ciclo abbia ancora molta strada da fare.

“Per esperienza, i bull market non terminano con solo tre volte più in alto dal massimo precedente, ma 10 volte, 20 volte, persino 30 volte. Quindi, conservativamente, un aumento di 15 o 16 volte rispetto al massimo precedente porta il prezzo a 300.000$.”

Topper and popper

Ci sono due cose che puoi fare con questa informazione: puoi cercare di vendere ai prezzi del picco, o appena prima. Oppure semplicemente aspettare, con la fiducia che i prezzi aumenteranno invariabilmente ancora di più nel giro di quattro anni.

La seconda opzione è molto più semplice. È particolarmente complicato riconoscere il picco del mercato in quanto la maggior parte delle persone si lascia trascinare dall’euforia dovuta a guadagni incredibili. Lee sostiene che i prezzi in rapida crescita sono in realtà la migliore indicazione che il massimo è arrivato.

Se raddoppia nel giro di 24 ore, è senza dubbio il picco,” afferma.

Il trader crypto Scott Melker, meglio conosciuto come The Wolf of All Streets, concorda. Ha iniziato a investire in Bitcoin nel 2016 e ha avuto un posto in prima fila per il bull market del 2017 e il successivo crollo.

Non credo ci fosse tra le masse il sentiment che la musica stesse per finire tanto presto, onestamente,” racconta:

“I trader retail stavano entrando verso il massimo, convinti che il prezzo di Bitcoin era diretto a 100.000$. Ovviamente, si è fermato a circa 20.000$. Credo che la maggior parte non abbia realizzato alcun profitto e seguito l’intero mercato in discesa attraverso il crypto winter.”

Indicatori on-chain e tecnici

Il drastico crollo dal massimo storico del 2017 ha ispirato numerosi analisti a elaborare strumenti che potessero aiutare a prevedere il prossimo, spiega il co-fondatore di Decentrader, Filbfilb. Hanno setacciato dati di mercato e sulla blockchain negli ultimi 12 anni per determinare le relazioni tra profitti, partecipanti, offerta e gli alti e bassi del mercato.

Ci sono alcune menti davvero brillanti che hanno creato degli strumenti derivati on-chain per consentirci di provare a capire come i vari partecipanti al mercato potrebbero comportarsi,” spiega, aggiungendo:

“David Puell, per esempio, Phil Swift, Murad Mahmudov… abbiamo elaborato tutte queste cose nelle profondità del bear market per poter riuscire a prevedere il prossimo massimo.”

Filbfilb evidenzia che i mercati crypto sono quasi unici per la quantità di dati disponibile e integrabile, grazie alla trasparenza radicale della blockchain:

“Abbiamo tutti gli strumenti per azzeccare il massimo? Probabilmente abbiamo la miglior quantità di informazioni possibili in confronto a qualcosa come il mercato dell’oro, dove è semplicemente impossibile esaminare questo genere di dati.”

L’indicatore MVRV Z-Score (LookIntoBitcoin.com)

Tre dei migliori

Ci sono migliaia di strumenti differenti a disposizione, ma secondo Filbfilb due dei più importanti sono il Puell Multiple, che indica quanto i miner sono in profitto, e il MVRV Z-Score, che esamina il prezzo corrente in relazione al prezzo a cui ciascun Bitcoin è stato acquistato. Entrambi questi grafici possono essere consultati gratuitamente.

Il MVRV Z-Score è ottimo perché rivela quanto gli investitori sono in profitto,” spiega.

L’idea è che se il prezzo medio a cui i partecipanti al mercato hanno comprato Bitcoin è di 1.000$ e il prezzo è ora salito a 20.000$, ci sono molte più probabilità che incassino i guadagni rispetto a uno scenario in cui la maggior parte degli investitori ha comprato Bitcoin a 15.000$.

“Se il MVRV Z-Score raggiunge la fascia superiore, significa che tutti i possessori di Bitcoin sono in profitto notevolmente rispetto al momento in cui hanno comprato. Quindi, questo ti porterebbe a credere che la gente stia pensando di realizzare i profitti a breve e comprare una Lambo.”

Anche se questo grafico potrebbe non funzionare più se entriamo in un periodo di iperinflazione, è stato sottoposto a backtest e, finora, ha indicato correttamente il massimo nel raggio di circa una settimana. Quindi, quando il tuo parrucchiere o farmacista iniziano a elargire consigli su quali monete puntare tutto, potrebbe essere il momento di consultare questo grafico più frequentemente.

Un altro strumento molto utile è il Puell Multiple, che mostra quanto sono redditizi i miner oggi rispetto agli ultimi 365 giorni:

“Se all’improvviso tutti finiscono in un questa enorme base di profitto anormale eccezionale, in fin dei conti sono un’attività e molto probabilmente venderanno le proprie monete. Dal punto di vista di un investitore e dal punto di vista dell’offerta, sono entrambi molto importanti.”

Il Puell Multiple (LookIntoBitcoin.com)

Gli HODLer non vendono a poco

Philip Swift, l’altro fondatore di Decentrader, aggiunge che il grafico delle onde di HODL è un indicatore utile basato sulla psicologia di mercato degli HODLer.

“È uno strumento on-chain che mostra la proporzione di Bitcoin HODLati per almeno un anno. C’è un chiaro pattern ciclico in cui la linea dell’onda di HODL a 1 anno traccia un trend inverso al prezzo nel tempo. Questo perché nei bear market gli HODLer accumulano e non vogliono vendere i propri BTC a poco. Quindi, il tasso di HODL a 1 anno aumenta.”

Ha poi continuato:

“Man mano che proseguiamo nei bull market, questi HODLer vogliono incassare i profitti mentre il prezzo sale. Iniziano a vendere i propri Bitcoin, cosa che possiamo vedere quando lasciano i loro wallet. Questo spinge verso il basso il livello di HODL a 1 anno.

Il livello di HODL a 1 anno si trova attualmente al 53% e arriverà probabilmente a circa il 47% in prossimità del massimo. Quindi, abbiamo ancora molta strada da fare prima della fine del ciclo.”

“Il grafico dell’onda di HODL a 1 anno è finito offline per un breve periodo ma è tornato sul sito e continua a mostrare che gli HODLer non hanno intenzione di vendere a questi livelli. Le aspettative indicano prezzi molto più alti. Non credo che la linea di HODL calerà in modo significativo prima dei 100.000$ per Bitcoin.”

La maggior parte delle persone non avrà probabilmente tempo per imparare e comprendere tutti gli altri strumenti, semplicemente perché ce ne sono davvero molti. I grafici dell’analisi tecnica includono due moltiplicatori MA annuali, una heatmap sulla media mobile a 200 settimane, il modello stock-to-flow, l’indicatore Pi Cycle, il golden ratio multiplier, i giorni redditizi di Bitcoin e le curve di crescita logaritmiche di BTC.

Gli indicatori on-chain includono le onde RHODL, il rapporto RHODL, il segnale NVT avanzato, il profitto/perdita non realizzato relativo, lo slancio del network di Bitcoin, il rischio di riserva, l’indicatore sul sentiment degli indirizzi attivi e il rapporto di profitto degli output spesi.

Decentrader ha sviluppato un meta-strumento chiamato Bitcoin KPI che assegna punteggi da 0 a 100 per ciascun grafico. “È davvero difficile esaminare 50 grafici diversi e cercare di consolidare gli esiti per capire cosa sta effettivamente succedendo,” afferma Filbfilb, aggiungendo: “Quindi, abbiamo cercato di creare una sorta di panoramica generale.

Tutti questi elementi vengono riuniti in uno snapshot, e si ottiene un punteggio. In questo modo puoi vedere a che punto del ciclo ti trovi, quanto è surriscaldato il mercato,” spiega.

Lo strumento Bitcoin KPI di Decentrader.

Un invito alla cautela

Ovviamente, ci sono alcune condizioni legate all’uso di questi strumenti. Molti si basano sulla premessa che Bitcoin guida l’intero mercato crypto in entrambe le direzioni, probabilmente valida ma non scontata. Non è da escludere la possibilità che Ethereum lo superi e diventi la criptovaluta leader.

Inoltre, come dimostrato ad aprile e maggio dal FUD sul mining in Cina e dai tweet di Elon Musk, questi indicatori non salveranno il tuo investimento da un evento black swan che potrebbe far crollare i mercati e potenzialmente dare inizio a un nuovo bear market.

Mati Greenspan, fondatore di Quantum Economics, sottolinea che a volte la storia fa rima ma non prevede il futuro.

“Spesso la gente si confonde e dice, ‘solo perché questo è avvenuto X volte, dato che si è verificato X seguirà Y’. Non conta nulla.”