Miliardario Mark Cuban: "Preferirei avere delle banane piuttosto che dei Bitcoin"

Il miliardario Mark Cuban, famoso per i suoi investimenti nel settore della tecnologia, ha affermato che sarebbe più felice di possedere delle banane che dei Bitcoin (BTC).

Durante un video Q&A pubblicato dal canale YouTube Wired, Cuban ha risposto a un utente di Twitter che si chiedeva come mai il magnate americano odiasse le criptovalute, dato che è d'accordo con l'idea di "fornire alle persone delle opportunità di far crescere il proprio patrimonio netto."

In primo luogo, Cuban sostiene che il problema di Bitcoin è che il suo prezzo è determinato dalla domanda del mercato:

"Ecco qual è il problema delle criptovalute, in particolare di Bitcoin: BTC vale quello che la gente è disposta a pagare."

BTC non ha valore intrinseco

Cuban ha continuato affermando che Bitcoin non ha alcun valore intrinseco. Per spiegare meglio la sua opinione, ha confrontato il cryptoasset a opere d'arte, fumetti e figurine del baseball:

“Hai mai visto qualcuno collezionare le figurine del baseball? Ed erano davvero molto orgogliosi perché continuavano a dire che sarebbero salite di prezzo? Fumetti: stessa cosa, persino opere d'arte. Non esiste un vero valore intrinseco, non puoi mangiare una figurina [...] Le tue opere d'arte potrebbero essere belle sul muro ma non puoi farci molto. Bitcoin: puoi farci ancora meno. Almeno le figurine e le opere d'arte le puoi guardare."

Bitcoin è come l'oro, è una sorta di religione

Successivamente, Cuban continua sostenendo che Bitcoin sia troppo complicato per la persona media, dato il gran numero di opzioni di archiviazione e prevenzione dei furti. Ed è qui che osserva che Bitcoin, spesso chiamato "oro digitale", è davvero molto simile all'oro:

"Io dico che è come come l'oro. L'oro è una religione: le persone che amano davvero l'oro ti diranno che se c'è una brutta depressione e le cose andranno a rotoli, se avrai dell'oro allora sarai apposto. No, non è così! Ti porti dietro un lingotto d'oro: qualcuno ti darà un cazzotto, ti farà fuori e ti ruberà il tuo lingotto d'oro e succederà ancora e ancora e ancora. Preferirei avere delle banane, almeno si possono mangiare: le criptovalute, invece, no."

L'opinione dell'investitore statunitense è in linea con quanto affermato ad agosto, quando ha dichiarato che Bitcoin è fondamentalmente simile all'oro e li ha definiti entrambi oggetti da collezione. Infine, Cuban ammette di non essere "contrario alle criptovalute", ma di voler solo avvisare gli investitori "di stare molto attenti".

Come riportato da Cointelegraph a luglio, Mark Cuban ha definito la stablecoin Libra di Facebook "un grande errore", poiché potrebbe essere pericolosa sia "a livello globale" che "nei paesi dove non ci sono molte regole di legge, o molta stabilità governativa o economica."