Il colosso giapponese della finanza SBI acquista il 40% di un'azienda taiwanese di portafogli hardware

Il gruppo giapponese di servizi finanziari SBI Holdings ha acquistato il 40% dell'azienda taiwanese di portafogli hardware CoolBitX, secondo quanto riportato nel comunicato stampa pubblicato in data 2 marzo.

Il prodotto principale offerto da CoolBitX è CoolWallet, un portafoglio hardware simile ad una carta di credito capace di comunicare con altri dispositivi grazie alla tecnologie Bluetooth.

SBI Holdings continua ad interessarsi sempre più all'industria della Blockchain e delle criptovalute. Recentemente infatti il gruppo finanziario ha dato inizio ad un massiccio esperimento legato alla rete Ripple che coinvolge circa 60 banche, la maggior parte delle quali con sede in Giappone.

Uno dei partecipanti al test, la sudcoreana Woori Bank, ha annunciato di voler commercializzare entro fine anno pagamenti basati su Ripple.

Il 27 febbraio, la stessa SBI ha annunciato di aver posticipato il lancio della propria piattaforma d'exchange di criptovalute, menzionando la necessità di migliorare la sicurezza del servizio.

"[...] Abbiamo cercato a lungo sistemi per migliorare la sicurezza dei nostri servizi acquistando le tecnologie sviluppate da aziende esterne, nonché affinando il sistema di gestione dei rischi all'interno della compagnia stessa. La protezione dei consumatori è la nostra priorità," spiega l'azienda nel comunicato stampa.

“In futuro, quando considereremo di utilizzare la tecnologia di CoolBitX, punteremo a migliorare ulteriormente la sicurezza."