La startup dell'autoproclamato creatore di bitcoin riceve tre brevetti relativi a bitcoin cash

Secondo quanto dichiarato in un comunicato ufficiale, la startup blockchain nChain, associata ad un uomo che una volta si proclamò come creatore del bitcoin (BTC), ha ottenuto tre brevetti relativi a bitcoin cash (BCH) dall'European Patent Office (EPO).

I tre nuovi brevetti riguardano lo sviluppo di nuovi metodi di protezione dei diritti digitali utilizzando la tecnologia blockchain, e in particolare la blockchain di Bitcoin Cash come la tecnologia standard su cui vengono dimostrate le transazioni. Il primo brevetto elencato nell'annuncio di nChain è intitolato "A method and system for verifying ownership of a digital asset using a distributed hash table and a peer-to-peer distributed ledger", mentre i gli altri due sono entrambi intitolati "A method and system for verifying ownership of a digital asset using a distributed hash table and a peer-to-peer distributed ledger".

Il capo ricercatore di NChain Craig Wright, noto per esseri proclamato l'inventore anonimo di Bitcoin Satoshi Nakamoto nel 2016, predisse che il 2018 sarebbe stato "l'anno" di bitcoin, che lui associa a bitcoin cash.

Ad ottobre, l'imprenditore e informatico australiano, ha però ammesso di non essere il creatore della criptovaluta più famosa al mondo.

A febbraio, a Wright fu richiesto il risarcimento di 5 mld di dollari dagli eredi di David Kleiman, a causa di un presunto furto di bitcoin. Kleiman era un esperto di sicurezza informatica, che molti sospettano essere stato uno degli sviluppatori dietro all'invenzione del bitcoin.