Svizzera e Israele condivideranno le loro esperienze in materia di regolamentazioni blockchain

Secondo quanto riportato da Reuters, la Svizzera e Israele hanno accettato di condividere la loro esperienza sulla regolamentazione dell'industria blockchain.

Il ministro delle finanze svizzero Ueli Maurer e il segretario di Stato per le questioni finanziarie internazionali Joerg Gasser hanno visitato Israele per richiedere ufficialmente l'accesso ai mercati locali per le banche svizzere.

Secondo Reuters, Gasser avrebbe intenzione di preparare una relazione sulle regolamentazioni blockchain per i funzionari israeliani entro la fine del 2018. Egli si aspetta che tali norme possano essere approvate dal parlamento israeliano nel 2019, per poi entrare in vigore all'inizio del 2020.

Reuters non è stata in grado di ottenere delle dichiarazioni più dettagliate dai funzionari israeliani. Tuttavia, il ministero delle Finanze ha affermato che entrambi i paesi hanno concordato di condividere le loro esperienze sulle regolamentazioni dell'industria fintech, comprese le linee guida sulle criptovalute e contro il riciclaggio di denaro.

Come segnalato in precedenza da Cointelegraph, Israele vanta un certo numero di progetti che, in un modo o nell'altro, utilizzano la tecnologia blockchain. Selva Ozelli, procuratore fiscale internazionale e commercialista certificato (CPA), ha esaminato le varie iniziative del paese, tra cui una piattaforma governativa per le elezioni, un registro dei droni basato su blockchain e una criptovaluta nazionale.

La Svizzera sta attivamente adattando la sua legislazione attuale per integrare i progetti blockchain nella vita di tutti i giorni. A tal proposito, il paese ha istituito un'area adibita allo sviluppo di progetti e soluzioni blockchain nel Canton Zugo, che si è guadagnata l'appellativo di "Crypto Valley".

A luglio, Zug ha tenuto la sua prima votazione basata su blockchain con l'aiuto di alcune società locali, per valutare se la tecnologia possa essere utilizzata in livelli di governance superiori. I cittadini hanno votato sui progetti municipali, e il test è stato definito un "successo", nonostante la bassa affluenza.