SoftBank nega l'affare con Bitmain, incerti gli altri investimenti

Un funzionario di SoftBank ha negato il coinvolgimento della società nell'affare di investimento con il colosso del mining di Bitcoin (BTC) Bitmain, che è stato segnalato la scorsa settimana da diverse testate giornalistiche.

Bitmain ha dichiarato di aver siglato un accordo di finanziamento tramite un'Initial Public Offering (IPO) che aveva portato la sua valutazione a 15 miliardi di dollari. All'accordo avrebbero preso parte il conglomerato tecnologico cinese Tencent e la giapponese SoftBank, un altro colosso del settore che è anche il maggior azionista dell'app Uber.

Dopo aver ricevuto un suggerimento anonimo secondo cui né Tencent né SoftBank fossero effettivamente coinvolti in alcun accordo con Bitmain, Cointelegraph ha contattato le due società per avere conferma.

In risposta alla richiesta di informazioni di Cointelegraph, Kenichi Yuasa dell'Ufficio di comunicazione aziendale di SoftBank Group Corp. ha dichiarato:

"Né SoftBank Group Corp. né il fondo SoftBank Vision erano in alcun modo coinvolti nell'affare."

Nonostante le numerose richieste di chiarimenti, né Tencent né Bitmain hanno rilasciato invece dichiarazioni.

La notizia originale sulla partecipazione di SoftBank e Tencent a un accordo con Bitmain è stata riportata dalla piattaforma cinese QQ il 4 agosto. In una versione di Google Translate dell'articolo, QQ ha dichiarato:

"Bitmain ha ufficialmente completato il round pre-IPO. Tra gli investitori ci sono anche Tencent, Softbank e China Gold. L'attuale round di finanziamento è di 1 miliardo di dollari, e la valutazione pre-investimento è di 14 miliardi. "

Il report di QQ è stato poi diffuso da fonti mainstream come Business Insider, CCN, Yahoo! Finance e anche da portali di nicchia come CoinDesk.

L'11 agosto, subito dopo la diffusione della notizia, il CSO di Blockstream Samson Mow ha twittato un'immagine che rivela che Bitmain possiede una grande quantità di Bitcoin Cash (BCH).

Il 12 agosto, Samson Mow ha anche twittato due immagini dei risultati del primo trimestre di Bitmain, una in cinese e una di Morgan Stanley, commentando:

"Perché Bitmain sta raccogliendo capitali così velocemente e mostra solo i risultati del primo trimestre agli investitori pre-IPO? Ora siamo già al Q3. La ragione è che il secondo trimestre è stato un disastro. Bitmain ha ben 1,24 miliardi di dollari di invenduto e il prezzo dell'S9 è sceso di circa l'85%! Le perdite per il secondo trimestre sono comprese tra 600-700 milioni di dollari."

In risposta ai tweet di Mow, Crypto Herpes Cat ha pubblicato un articolo su Medium, spiegando diverse teorie su come mai Bitmain sia in possesso di così tanti BCH e come vanno i loro ASIC miner in un mercato ribassista:

"Come ti rendi conto del valore di questo business monolito e delle tue partecipazioni? Fai un'IPO e speri che gli investitori non si rendono conto che tutti i tuoi asset attuali sono molto, molto illiquidi. "

Già a giugno, l'amministratore delegato di Bitmain Jihan Wu aveva accennato ai piani della compagnia di entrare nella Borsa di Hong Kong. Secondo il giornale cinese QQ, la valutazione dell'azienda salirà a circa 30 mld di dollari.