Tecnologia blockchain e aviazione al centro di una conferenza negli Emirati Arabi Uniti

La diffusione della tecnologia blockchain nel settore dell'aviazione sarà il punto centrale di una conferenza che si terrà ad Abu Dhabi dal 2 al 4 aprile. A confermarlo è stato il portale di notizie Emirates News Agency, tramite un comunicato stampa pubblicato il 31 marzo.

Vantando la partecipazione di oltre 800 persone provenienti da quasi 100 paesi, la conferenza "Blockchain: Unlock the Potential" ha l'obiettivo di portare le potenzialità della tecnologia, estese al settore dell'aviazione, su un palcoscenico internazionale.

Il comunicato stampa osserva che l'evento si svolgerà sotto il patronato di "Sua Altezza Sheikh Mohamed Bin Zayed Al Nahyan", principe ereditario di Abu Dhabi. Tra gli speaker, ci saranno anche il ministro dell'economia del Paese e un dirigente dell'aeroporto di Heathrow.

Gli Emirati Arabi Uniti (UAE) sono stati selezionati come paese ospitante dell'evento a causa dell'impegno delle autorità per implementare la blockchain a livello statale in varie aree dell'economia locale.

Saif Mohammed Al Suwaidi, direttore generale dell'Autorità per l'aviazione civile generale degli Emirati Arabi Uniti (GCAA), ha commentato:

"La selezione degli Emirati Arabi Uniti testimonia il continuo impegno della nostra leadership nell'investimento in nuove tecnologie in diversi settori, tra cui quello dell'aviazione, il mantenimento di forti partnership tra governo e settore privato, e la continua esplorazione di metodi per migliorare le pratiche commerciali dell'aviazione in un ambiente dinamico e fiorente."

Durante la conferenza verranno illustrati vari casi d'uso della tecnologia blockchain in tutto il settore, dagli aerei ai contratti di finanziamento e altri processi legati al business.

L'evento arriva circa due settimane dopo un'altra conferenza sulle blockchain tenutasi proprio ad Abu Dhabi, che si concentrava in particolare sui fenomeni relativi al panorama fintech.

L'evento ha suscitato diversi commenti positivi sulle criptovalute da parte delle autorità locali, alimentando le speculazioni di chi sostiene che gli Emirati Arabi potrebbero diventare una sorta di paradiso fiscale per agli asset digitali.

"È essenziale sviluppare framework e normative che regolino queste tecnologie e i loro sviluppi", ha dichiarato Abdul Aziz Al-Ghurair, presidente della Federazione delle banche degli Emirati Arabi Uniti (UBF).

Lo stesso settore aeronautico continua ad esplorare le applicazioni della tecnologia blockchain: uno dei casi più recenti è quello della NASA, che ne sta valutando l'utilizzo nel controllo del traffico aereo.