Stati Uniti: la Federal Reserve sta esplorando il dollaro digitale e i suoi effetti sul sistema monetario

La Federal Reserve degli Stati Uniti sta esaminando lo sviluppo di una central bank digital currency (CBDC) e i problemi e i rischi che potrebbe potenzialmente comportare.

Come riportato su Twitter da Zachary Warmbrodt, il presidente del Consiglio di amministrazione della Federal Reserve Jerome Powell ha risposto ad una richiesta presentata dai rappresentanti statunitensi French Hill e Bill Fosters riguardo l'eventuale lancio di una valuta digitale da parte della istituzione americana.

Nella lettera, Powell ha esposto le opinioni della Federal Reserve sulla creazione di una CBDC, sottolineando che, sebbene l'agenzia non stia attualmente sviluppando alcuna CBDC, ha comunque valutato e continua a valutare i costi e i benefici di tale iniziativa.

Powell ha rivelato che l'agenzia sta conducendo esperimenti e ricerche su piccola scala per acquisire esperienza pratica e comprendere meglio le opportunità e i limiti delle CBDC.

Le CBDC fanno emergere una serie di problemi normativi

Powell ha affermato che, prima di emettere un CBDC, la Federal Reserve deve affrontare una serie di questioni legali relative a politiche monetarie, stabilità finanziaria, supervisione, problemi operativi e la vulnerabilità agli attacchi informatici:

"Se progettata per essere finanziariamente trasparente e per fornire garanzie contro le attività illecite, una CBDC 'general purpose' potrebbe obbligare la Federal Reserve a tenere traccia di tutte le informazioni relative ai pagamenti che avvengono tramite valuta digitale [...] e ciò potrebbe sollevare dei problemi relativi alla privacy e alla sicurezza di tali informazioni."

Infine, Powell ha osservato che per lo sviluppo di una CBDC dovrebbero essere prese in considerazione una serie di caratteristiche, tra cui la governance delle azioni in circolazione di tale valuta, la necessità di un sistema di pagamento della Federal Reserve per condurre le transazioni e il problema dell'anonimato.

La risposta dei rappresentanti alla lettera

In risposta alla lettera di Powell, Hill ha espresso entusiasmo per il fatto che la Federal Reserve stia studiando se vi siano o meno dei motivi validi per emettere una CBDC:

"Questa decisione avrebbe implicazioni di vasta portata su ogni aspetto della politica monetaria americana, e richiede un profondo livello di analisi per garantire una corretta implementazione".

Il rappresentante Foster ha invece dichiarato: "La mia principale preoccupazione è quella di essere sorpresi da sviluppi molto rapidi in altri paesi che potrebbero mettere la nostra economia in una posizione di svantaggio e minacciare la supremazia del dollaro USA".