Venezuela: trading di Bitcoin record, la banca più grande del Paese aggiunge il supporto al Petro

Il Banco de Venezuela (BDV), la più grande banca del Paese, ha aggiunto il supporto alla tanto discussa valuta digitale Petro.

Secondo quanto riportato dal sito di notizie Decrypt, i clienti del BDV si sono ritrovati una nuova sezione nel loro conto bancario online dedicata alle criptovalute.

Al momento, sostiene l'articolo, il wallet di criptovalute presente sul portale consente di utilizzare unicamente il Petro ma, poiché la sezione sembra ancora in fase di sviluppo, alcuni ritengono che potrebbero venir aggiunti altri token.

Il Petro, lanciato dal governo venezuelano, è teoricamente ancorato alle riserve petrolifere del Paese. Fin da subito oggetto di critiche, la criptovaluta ha ricevuto diverse sanzioni internazionali nate dal sospetto che il governo la stesse utilizzando per evadere le restrizioni già imposte dagli altri stati.

Il trading di Bitcoin raggiunge i 120 miliardi di bolivar

Come riportato da Cointelegrpah, il Venezuela sta diventando sempre più dipendente da criptovalute decentralizzate come Bitcoin (BTC), poiché le altre alternative risultano poco affidabili.

L'enorme inflazione che interessa la valuta nazionale, il Bolivar Sovrano (VES), continua a produrre record di trading sul'exchange di Bitcoin P2P Localbitcoins.

Dall'1 al 7 settembre, i Venezuelani hanno scambiato oltre 120 miliardi di VES per Bitcoin.

Localbitcoins weekly trading volumes for Sovereign Bolivar (VES)

Volume di trading settimanale in Bolivar Sovrano (VES) su LocalBitcoins. Fonte: Coin Dance

Decrypt aggiunge che il BDV non ha ancora rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla questione, nonostante rimanga comunque la prima banca venezuelana a supportare ufficialmente la criptovaluta.