Bitcoin (BTC) inizia la nuova settimana a 57.000$ dopo un improvviso rialzo risultato in una chiusura settimanale molto migliore di quanto molti si aspettavano.

Rimediando al recente sell-off causato dal coronavirus e al successivo calo del prezzo, Bitcoin ha toccato i 58.000$ prima di consolidarsi poco più in basso con un guadagno giornaliero del 5,7%.

I prossimi giorni potrebbero riservare molte sorprese. I timori legati al coronavirus rimangono in gioco nei mercati macro prima dell’apertura, e i venditori potrebbero approfittare degli ottimisti con leva dopo i recenti rialzi.

Con ancora tutto da giocare e la chiusura mensile a meno di 48 ore di distanza, Cointelegraph prende in esame ciò che potrebbe plasmare la performance del prezzo di Bitcoin questa settimana.

Bitcoin rimbalza in tempi record

Solo tre giorni dopo aver perso 6.000$ in una singola candela giornaliera, la price action di BTC ha già fatto marcia indietro dal baratro.

Come ormai succede spesso nel corso del weekend, BTC/USD ha tracciato un brusco rialzo chiudendo la settimana a 57.300$ su Bitstamp, evitando la chiusura più bassa in due mesi.

In seguito, i guadagni sono rimasti e al momento della stesura il livello dei 57.000$ è ancora al centro dell’attenzione.

In una nuova analisi, il noto trader e analista Rekt Capital ha indicato che la media mobile esponenziale (EMA) a 21 settimane intorno ai 52.500$ ha fornito supporto come un “indicatore collaudato del bull market.

Forte reazione di BTC dalla zona della EMA a 21 settimane,ha riassunto.

Grafico settimanale di BTC/USD (Bitstamp) con EMA a 21 settimane. Fonte: TradingView

Tuttavia, pur avendo toccato un massimo locale a 58.300$, Bitcoin deve ancora registrare un breakout definitivo, mentre l’importante resistenza a 60.000$ rimane intoccata.

Da quando il prezzo ne è scivolato al di sotto, tutti i tentativi precedenti di spezzare questa zona di vendita sono stati fermamente respinti.

Ad ogni modo, i dati mostrano che l’improvviso rialzo ha colto diversi trader alla sprovvista, con quasi 300 milioni di dollari in liquidazioni nelle ultime 24 ore.

Nel frattempo, i funding rate, che domenica erano neutrali, stanno seguendo la direzione del prezzo segnalando il ritorno dell’ottimismo su una ripresa affidabile di BTC, e con esso il rischio associato.

È bastata una candela giornaliera da +7% per cancellare le paure di un nuovo bear market di BTC,ha aggiunto Rekt Capital.

BTC/USD, ha spiegato, sta “procedendo positivamente” per quanto riguarda l’imminente chiusura mensile.

Coronavirus e repliche di marzo 2020

I mercati macro anticipano un inizio settimana turbolento mentre la nuova variante di coronavirus, omicron, continua a colpire il sentiment.

Abbiamo bisogno di più risposte per comprendere l’impatto sulla crescita,ha affermato lunedì Priya Misra, global head of rates strategy di TD Securities, in un commento a Bloomberg.

“Gli asset di rischio stanno scontando l’incertezza.”

La scorsa settimana è stata caratterizzata da una forte volatilità generale, e ha visto Bitcoin e le altcoin seguire azioni, petrolio e altri asset in un sell-off improvviso.

I mercati asiatici sembrano pronti a continuare il trend all’apertura di lunedì, con cali dell’1%-2% previsti al momento della stesura.

Con Bitcoin in aumento, ulteriori scossoni alle strutture macro potrebbero cancellare il rinnovato ottimismo.

I rialzisti stanno sperando che lo scenario si sviluppi in modo simile a marzo 2020, quando un crollo nei mercati crypto mentre il coronavirus debuttava sulla scena mondiale ha successivamente innescato un rally che ha eclissato i massimi del prezzo precedenti.

“Molti sembrano spaventati da un altro evento di liquidazione in stile marzo 2020 per Bitcoin. Se possiedi le tue chiavi e non usi leva finanziaria è una preoccupazione trascurabile. Se si verifica mi aspetto che sia rapida e brutale per poi correggersi. La maggior parte di chi cercherà di fare trading mentre succede verrà annientato. Resta umile e accumula.”

Tuttavia, Bitcoin non è uscito indenne da settimana scorsa. Diverse figure familiari hanno colto l’occasione per criticare ciò che sostengono non sia affatto una protezione dal rischio.

Essere meno rischioso non rende sicuro Bitcoin,ha affermato venerdì il gold bug Peter Schiff, prevedendo che in futuro Bitcoin diventerà “rischioso quanto qualsiasi altcoin.

Grafico orario di BTC/USD (Bitstamp). Fonte: TradingView

I 50.000$ ricordano il minimo a 30.000$

Chi teme un’ulteriore correzione dai livelli attuali potrebbe non dover guardare troppo in basso nel grafico del prezzo di BTC.

Stando ai più recenti dati sull’order book della risorsa di analisi Material Scientist, un enorme muro d’acquisto è ora in posizione e dovrebbe mantenere il mercato sopra i 50.000$.

La posta in gioco potrebbe essere alta, in quanto perdere questo livello spingerà diversi trader a rivalutare il loro approccio a Bitcoin, ma considerando l’entità del supporto al momento sembra uno scenario poco probabile.

Non capisco perché siete tutti così spaventati,ha riassunto domenica Material Scientist su Twitter.

“Questa è la più grande offerta dal minimo a 30.000$.”
Heatmap dell’order book di BTC/USD. Fonte: Material Scientist/Twitter

Se i 50.000$ sono davvero i nuovi 30.000$, la correzione in corso dai massimi storici risulta modesta in confronto alle precedenti, in particolare il calo quasi del 50% registrato a maggio.

Proseguendo, Material Scientist ha fatto notare un aspetto insolito. La stessa entità responsabile per il supporto ha anche piazzato resistenza a 70.000$.

Essenzialmente, un operatore ha l’intero mercato in pugno,” ha spiegato.

“Sapeva con 1 mese di anticipo come sarebbe finita l’intera situazione.”

Quindi, i 70.000$ rappresentano il punto di interesse per i rialzisti che vogliono una continuazione della bull run prima che il Q4 2021 volga al termine.

Momento decisivo in arrivo per tre correlazioni di Bitcoin

Le prossime settimane saranno “molto eloquenti” per Bitcoin, mentre il crypto asset rafforza o spezza alcune correlazioni significative.

Questa è stata la conclusione del noto analista TechDev durante il fine settimana, mentre Bitcoin continua a replicare il viaggio dell’oro dagli anni ‘70 in poi.

Le curiose analogie tra BTC/USD nel 2020-2021 e XAU/USD 50 anni fa continuano nonostante alcune anomalie di volatilità nella price action di Bitcoin.

Se il trend dovesse continuare, Bitcoin traccerà un drastico rally fino al massimo storico dei 280.000$. La scadenza: metà febbraio 2022.

Il frattale dell’oro negli anni ‘70 ora è precisamente allineato e ancorato al massimo e al minimo locali,” ha commentato in un aggiornamento.

“Solo dicembre/gennaio rimasti con il modello esteso fino alla prima metà di febbraio.”
Grafico di BTC/USD vs. oro negli anni ‘70. Fonte: TechDev/Twitter

Un’analisi di ciascuna fase proiettata della metamorfosi di Bitcoin da settembre presenta questo mese all’esterno della traiettoria stimata. Dicembre dovrebbe vedere prezzi tra i 70.000$ e i 110.000$ per BTC/USD.

Lasciando da parte l’oro, la sequenza di Fibonacci detta altre due correlazioni che nelle prossime settimane affronteranno il momento della verità.

Entrambe coinvolgono la relazione di Bitcoin con la sua performance nel 2017, e finora rimangono valide. Se una delle due dovesse prevalere sull’altra, la velocità e l’entità dei guadagni cambierà di conseguenza.

Un picco intorno ai 150.000$ potrebbe arrivare già a metà dicembre. In alternativa, il prezzo potrebbe toccare i 225.000$ a metà febbraio.

Da metà dicembre a fine gennaio con un picco a circa 230.000$ rimane il mio scenario di base,” ha indicato TechDev.

“Ovviamente la fase più vicina di questo periodo di tempo sembra meno probabile. Non mi interessa se è giusto. Ho visto analisi convincenti che suggeriscono un massimo tra metà dicembre e metà marzo, con target da 120.000$ a 260.000$.”

Rispondendo a un complimento di Raoul Pal, fondatore di Global Macro Investor, ha aggiunto che le prossime settimane saranno “molto eloquenti” per le tre correlazioni.

Dove sarà Bitcoin alla fine di “Moonvember”?

Sempre più persone sono convinte che questo bull market potrebbe richiedere più tempo del previsto.

Correlato: Le 5 criptovalute da seguire questa settimana: BTC, BNB, LUNA, MANA, SAND

Nonostante ciò, l’ottimismo per il breve termine rimane notevole.

In un sondaggio realizzato su Twitter dall’account @Bitcoin, terminato lunedì, la grande maggioranza dei quasi 50.000 partecipanti ha previsto che BTC/USD chiuderà il mese di novembre sopra i 50.000$.

Il 35% ha selezionato il prezzo più alto nel sondaggio, e un altro 25,7% prevede una chiusura mensile tra 55.000$ e 60.000$.

Risultati del sondaggio di @Bitcoin su Twitter. Fonte: Bitcoin/Twitter

È facile dimenticare quanta strada ha fatto Bitcoin negli ultimi 12 mesi. Come segnalato da Cointelegraph, durante lo scorso giorno del Ringraziamento, che curiosamente ha registrato un breve sell-off, BTC/USD si trovava poco sotto i 16.500$.

Come ha riassunto questo weekend l’analista Benjamin Cowen, “Do not miss the forest for the trees.”