Zuckerberg: Facebook non lancerà Libra senza l'approvazione degli Stati Uniti

Mark Zuckerberg, il fondatore del colosso americano Facebook, ha intenzione di comunicare al Congresso degli Stati Uniti che Libra non verrà lanciata in nessun luogo del mondo fino a che non verrà approvata dai regolatori statunitensi.

Libra non arriverà da nessuna parte senza l'approvazione del Congresso

Secondo le osservazioni di Zuckerberg, rilasciate in anticipo rispetto alle udienze che si terranno dinanzi al Financial Services Committee della Camera degli Stati Uniti, l'amministratore delegato di Facebook vorrebbe alleggerire le questioni normative riguardanti l'imminente stablecoin:

"Facebook non prenderà parte al lancio del sistema di pagamento Libra in qualsiasi parte del mondo fino all'approvazione dei regolatori statunitensi".

Tuttavia, dato il modo in cui è costruita, questa dichiarazione non equivale a dire che Libra non verrà lanciata affatto.

Secondo il documento, Libra sarà ancorata principalmente al dollaro statunitense. Zuckerberg ha inoltre citato il programma stablecoin della Cina, previsto per i prossimi mesi, sottolineando che potrebbe interferire con la leadership finanziaria e tecnologica dell'America nel mondo.

Elaborazione dei pagamenti tramite Facebook e entità associate

Riguardo l'accesso di Facebook ai dati finanziari degli utenti del wallet Calibra, Zuckerberg ha affermato che Calibra è una società a sé stante controllata da Facebook, il che significa che esiste una chiara separazione tra i dati sociali di Facebook e i dati finanziari del wallet.

"Calibra non condividerà le informazioni sull'account dei clienti o i dati finanziari con Facebook, tranne per prevenire frodi o attività criminali, quando le persone decidono di condividere i propri dati o quando siamo legalmente obbligati a farlo", ha assicurato Zuckerberg, aggiungendo:

"I pagamenti elaborati attraverso le società controllate da Facebook sono soggetti a misure poste in atto per il monitoraggio delle sanzioni  e per contrastare il riciclaggio di denaro sporco e il finanziamento del terrorismo, che sfruttano sia i nostri sistemi automatizzati che la revisione umana e segnaliamo attività di pagamento sospette alle autorità competenti coerenti con i nostri obblighi normativi. Abbiamo anche messo in atto delle misure per prevenire le frodi. "

Zuckerberg ha inoltre sottolineato che Libra non è stata creata per sostituire le valute sovrane, ma solo come sistema di pagamento online.

Protezione dei dati privati degli utenti

È bene notare che Zuckerberg ha affermato che Facebook non vende le informazioni personali degli utenti e non le utilizza o condivide con terze parti per decisioni relative a prestiti o crediti.

"Utilizziamo le informazioni sulle transazioni che avvengono sui nostri prodotti per migliorare i nostri servizi, inclusa la pubblicità. Tuttavia, non utilizziamo le informazioni dell'account di pagamento delle persone per scopi pubblicitari", ha dichiarato il CEO.

L'anno scorso, Facebook è stata coinvolta in una tempesta mediatica, quando si scoprì che Cambridge Analytica aveva raccolto i dati di 50 milioni di utenti Facebook senza autorizzazione. Parte delle informazioni raccolte da Facebook includevano dati identificativi personali. Inoltre, l'azienda raccoglieva informazioni sulle persone presenti nella rete di contatti dell'utente.