Comunicati Stampa

Madrid, 26 gennaio 20212gether, piattaforma collaborativa per il trading di criptovalute, annuncia il risarcimento degli asset digitali rubati dai conti dei suoi utenti a seguito dell’attacco hacker avvenuto nel luglio 2020. La società sta anche rafforzando i protocolli di sicurezza della piattaforma, così da prevenire un altro simile incidente.

Il 31 luglio 2020 alle 18:00 CEST, 2gether ha subito un attacco informatico per mano di hacker: i criminali sono riusciti a rubare dai conti degli utenti circa 114 BTC e 281 ETH, per un valore complessivo di 1,18 milioni di euro al tempo e approssimativamente 2,9 milioni di euro oggi. A dimostrazione dei valori dell’azienda e dell’integrità della piattaforma, 2gether ha ideato un duplice piano per affrontare le conseguenze dell'attacco.

Per ottenere il capitale necessario ad eseguire tale piano, 2gether ha collaborato con la community, gli investitori privati ​​e i partner per lanciare un round di crowdfunding: l’iniziativa ha riscontrato un notevole successo, consentendo all’azienda di raccogliere il massimo legale di 1,5 milioni di euro, ovvero il 125% dell’obiettivo fissato inizialmente. Tali fondi permetteranno di rafforzare la sicurezza, la gestione del rischio e il modello di copertura dell'azienda.

Innanzitutto, 2gether ha offerto a tutti coloro che sono stati danneggiato dall’attacco hacker un risarcimento immediato in 2GT, l'utility token della società, e/o in titoli aziendali. Grazie alla campagna di crowdfunding, 2gether è stata in grado di compensare completamente il 91% dei suoi utenti tramite BTC ed ETH.

Il restante 9%, che possedeva la quantità di fondi maggiore, sarà rimborsato tramite soluzioni personalizzate che includono almeno il valore in euro al momento dell’attacco, e in alcuni casi cifre persino superiori. Questi utenti possono accettare l’offerta iniziale di 2gether, ovvero un risarcimento in euro equivalente al valore dei loro fondi al momento dell’attacco, oppure presentare ricorso per ottenere un diverso pacchetto di risarcimento. In caso di appello, bisognerà attendere per ricevere l’esatta quantità di asset crypto rubati.

In secondo luogo, sin dal giorno dell’attacco informatico 2gether sta rafforzando i propri protocolli di sicurezza, per garantire che un simile incidente non si ripeta mai più:

  • Framework ristrutturati e riprogettati — Fondi degli utenti riorganizzati per limitare i perimetri di attacco; database riprogettati per evitare la fuga di dati personali; processi transazionali semplificati; autorizzazioni limitate, politiche e procedure riviste.
  • Miglioramento delle difese informatiche — Software antivirus aggiornato, fra i primi tre nel settore Endpoint Detection and Response (EDR); miglioramento dei firewall, delle VPN e dei sistemi di autenticazione dei clienti.
  • Rafforzamento dell’assicurazione — Revisione dei framework per la gestione del rischio e creazione di un modello di copertura che consenta di affrontare potenziali attacchi futuri, compresa la negoziazione di un’assicurazione informatica sui mercati internazionali.
  • Incremento delle risorse — Aumento delle risorse nelle aree chiave di gestione del rischio, tra cui CISO, systems management e DevOps.

Ramón Ferraz, CEO di 2gether, ha dichiarato:

“Nonostante le sfide legate alla gestione di un attacco informatico sulla nostra piattaforma, 2gether è orgogliosa di aver risarcito i suoi utenti con gli stessi asset che avevano perso, così che non rimangano indietro in questo periodo estremamente rialzista per le criptovalute. Inoltre, potenziare i nostri protocolli di sicurezza e rivalutare i nostri framework interni ridurrà al minimo le probabilità di futuri attacchi informatici.”

Informazioni su 2gether

Guidata dal CEO Ramón Ferraz e da altri veterani del settore, 2gether è una piattaforma finanziaria che ha fortemente a cuore i propri utenti. Fondata nel 2016, 2gether colma con successo il divario tra utenti crypto e mercati finanziari tradizionali, consentendo il trading di criptovalute a prezzi equi nonché l’uso di monete e token digitali per svolgere le stesse funzioni storicamente offerte dal denaro fiat.

Questo è un comunicato stampa sponsorizzato Cointelegraph non sostiene, non è responsabile per e non si prendere carico di contenuti, esattezza, qualità, pubblicità, prodotti o altro materiale presente su questa pagina. I lettori sono tenuti ad effettuare le proprie ricerche prima di portare a termine qualsiasi azione relativa alla compagnia. Cointelegraph non può essere tenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata da, connessa a o dipendente dall’utilizzo di qualunque contenuto, bene o servizio menzionato all’interno dei comunicati stampa.

Notizie correlate

Liquidata una parte dei token rubati durante l'attacco a Cryptopia, gli hacker incassano 3,2 milioni di dollari

Aaron Wood
2019-02-08T23:34:12+00:00
11918

Trend Micro rileva una nuova botnet che diffonde un miner di Monero

Adrian Zmudzinski
2019-06-13T18:52:00+01:00

Gli hacker statali cinesi prendono di mira le compagnie crypto, lo rivela una nuova ricerca

Adrian Zmudzinski
2019-08-07T16:55:00+01:00

Un nuovo spyware sfrutta Telegram per rubare i wallet di criptovalute degli utenti

Helen Partz
2019-09-28T11:32:13+01:00

Rubati 6,4 milioni di dollari in token FSN dallo swap wallet di Fusion Network

Adrian Zmudzinski
2019-09-29T17:08:20+01:00

Compromesso il software ufficiale di Monero, contiene un malware che ruba criptovalute

Adrian Zmudzinski
2019-11-19T15:54:00+00:00

Seguici su Twitter