Nelle scorse ore il prezzo di Bitcoin (BTC) è significativamente aumentato, oltrepassando i 19.500$ e raggiungendo un picco di 19.570$ su Binance. Tuttavia, nelle tre ore successive BTC è tornato a circa 19.050$: un'improvvisa contrazione del 2,5%.

Bitcoin è impennato fino a quasi 19.600$ grazie allo slancio del suo relief rally e al funding rate negativo nel mercato dei future. Ha tuttavia incontrato un muro allo stesso livello della contrazione di novembre, a causa della forte pressione di vendita da parte delle whale.

Grafico a un'ora di Bitcoin (Coinbase). Fonte: TradingView.com

Bitcoin era stato venduto in maniera eccessiva

Gli indicatori tecnici mostravano una vendita eccessiva di Bitcoin quando il prezzo è scivolato sotto i 17.600$. Il grafico delle candele a 4 ore mostrava una divergenza rialzista e un indicatore "buy" TD9, evidenziando che la pressione di vendita si era esaurita.

Il prezzo di Bitcoin si è rapidamente ripreso, superando prima di 18.000$ e successivamente i 18.300$. La criptovaluta ha quindi oltrepassato il livello di resistenza chiave (whale cluster) a 18.800$, alimentando ulteriormente il proprio slancio.

Supportato dal relief rally, Bitcoin ha continuato a salire fino a raggiungere un picco di 19.570$ sui principali exchange.

Il funding rate negativo ha alimentato la crescita di BTC

Il funding rate dei future su Binance Futures e su altre importanti piattaforme è divenuto negativo non appena Bitcoin ha iniziato la ripresa sopra i 18.000$.

Il funding rate dei contratti future diventa negativo quando ci sono più venditori che acquirenti; questo incrementa le probabilità che si verifichi uno short squeeze, che potrebbe far improvvisamente aumentare la domanda d'acquisto.

Sebbene il funding rate sia andato in negativo per un breve periodo — dato che il funding rate di Bitcoin raramente va in negativo — è stato indicativo di vendite molto aggressive.

Future Bitcoin, attività degli short. Fonte: Hyblock Capital

Su Twitter, il trader "Byzantine General" ha evidenziato l'estrema aggressività degli short seller durante il relief rally. Ha poi previsto che un movimento sopra i 19.300$ avrebbe causato uno short squeeze:

"Gli short sono stati di nuovo molto aggressivi e ora sono underwater. Se quota 19.300 venisse superata, ci sarebbe un grosso short squeeze."

Non appena Bitcoin ha raggiunto i 19.300$, il prezzo è rapidamente impennato a 19.570$: la previsione di Byzantine General sembra essersi avverata.

Le whale di Bitcoin tornano sugli exchange

Nonostante l'ottima ripresa, Bitcoin ha dovuto affrontare un grosso sell-off sopra i 19.500$ per colpa delle whale che confermavano i loro profitti.

Quest'oggi Ki Young Ju, CEO di CryptoQuant, ha annunciato che avrebbe ridotto le sue posizioni a causa dell'aumento dei depositi sugli exchange da parte delle whale:

"Ho confermato i profitti a 19.250$ e sono passato da generational long (10x) a normal long (1x). Osservando l'afflusso medio su tutti gli exchange (144-block MA), le whale di BTC stanno depositando. Penso che le whale avranno bisogno di un po' di tempo per realizzare i propri profitti. [...]

Opinione impopolare: non comprate il caz*zo di dip. Ci sono troppe whale sugli exchange."

Attualmente il prezzo di Bitcoin oscilla attorno ai 19.100$, consolidandosi ancora una volta sotto l'area di resistenza dei 19.400$. Nel breve termine, è importante che il prezzo rimanga sopra il livello di supporto a 18.800$ affinché si verifichi un nuovo tentativo di raggiungere i 20.000$.