Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, EOS, Stellar, Litecoin, Cardano, Monero, IOTA: Analisi dei prezzi, 27 agosto

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Riuscirà il Bitcoin ad ottenere rialzi significativi entro fine anno? Secondo Tom Lee, Ricercatore Capo di Fundstrat Global Advisors, la criptovaluta potrebbe addirittura raggiungere quota 25.000$.

Noi tuttavia rimaniamo dell'opinione che difficilmente assisteremo ad una replica dell'incredibile impennata di fine 2017. Numerosi trader hanno registrato perdite ingenti, e ci vorrà molto tempo per invertire il sentimento generale di mercato.

Un conflitto commerciale tra le due più importanti economie del pianeta o una crisi monetaria potrebbero di certo fornire uno slancio, ma crediamo che la ripresa della criptovaluta sarà lunga e graduale.

Solo alcune delle principali monete digitali mostrano segnali positivi. Diamo un'occhiata ai grafici per scoprire quali.

BTC/USD

Il Bitcoin è l'unica criptovaluta tra le prime dieci ad essere scambiata sopra la EMA a 20 giorni. In data 24 agosto, il prezzo ha superato la downtrend line del triangolo discendente, un chiaro segnale rialzista. Questo mostra un graduale ritorno degli acquirenti a questi livelli. La EMA si sta lentamente alzando, mentre la SMA a 50 giorni rimane piatta.

BTC/USD

In alto, il livello critico a cui bisognerà fare attenzione è 6.955,79$: anche la SMA a 50 giorni si trova in quest'area. Nel caso in cui tale resistenza venisse superata, la coppia BTC/USD otterrebbe uno slancio considerevole, muovendosi verso quota 8.566,40$. Tuttavia, se i rialzisti non riuscissero a superare quota 7.000$, la moneta potrebbe spendere qualche tempo in una bottom formation. Consigliamo ai trader di mantenere le proprie posizioni long, fissando uno stop loss adeguato.

In basso, il supporto critico si trova in una zona compresa tra 5.900$ e 6.000$. Se questo non dovesse reggere, i livelli inferiori a 5.450$ e 5.000$ diverrebbero una realtà.

ETH/USD

Nell'ultima settimana Ethereum ha mantenuto un valore di circa 280$. Da due giorni a questa parte il range infragiornaliero si è ridotto considerevolmente, ma è improbabile che questa bassa volatilità durerà a lungo.

ETH/USD

Qualsiasi tentativo di pullback incontrerà una forte resistenza alla EMA a 20 giorni e successivamente alla downtrend line. La coppia ETH/USD mostrerà segni di cambiamento soltanto al superamento di quota 358$.

Attenderemo il raggiungimento della SMA a 50 giorni prima di consigliare l'apertura di posizioni long.

XRP/USD

Negli ultimi tre giorni il range di Ripple si è fortemente ridotto. I partecipanti al mercato non sembrano interessati né ad acquistare né a vendere a tali livelli, ma è improbabile che questo stato di equilibrio durerà a lungo.

XRP/USD

È probabile che il superamento della EMA a 20 giorni spingerà la coppia XRP/USD fino alla SMA a 50 giorni, a quota 0,40$, incontrando una resistenza minore alla seconda downtrend line. Sopra la SMA, la principale area di resistenza sarà la prima downtrend line. I trader a breve termine possono puntare su questo pullback, ma soltanto su piccole posizioni in quanto il trend rimane perlopiù negativo.

In basso, se il livello a 0,30$ non dovesse reggere la criptovaluta potrebbe scivolare fino a 0,24508$, il minimo raggiunto in data 14 agosto. Attenderemo la formazione di buone configurazioni d'acquisto prima di consigliare l'apertura di posizioni.

BCH/USD

Il Bitcoin Cash viene scambiato in un range ristretto, compreso tra 513,60$ e 544,54$, da circa quattro giorni. È tuttavia improbabile che questi movimenti range bound dureranno a lungo.

BCH/USD

Siamo certi che questa settimana la coppia BCH/USD otterrà un notevole rialzo, oppure un altrettanto notevole crollo. In alto, una volta superata la EMA a 20 giorni, la downtrend line rappresenterà una forte resistenza. Oltrepassato tale livello, è probabile un'impennata fino a 900$.

Nel caso in cui i ribassisti riuscissero invece a spingere la moneta sotto l'area di supporto compresa tra 473$ e 500$, non è da escludere un nuovo test del livello a 400$. Attenderemo una chiusura dei prezzi sopra la downtrend line prima di suggerire l'apertura di posizioni long.

EOS/USD

I rialzisti hanno mantenuto EOS sopra quota 4,50$ per gli ultimi dieci giorni, ma non sono riusciti a spingere la moneta sopra la EMA a 20 giorni.

EOS/USD

L'area compresa tra la EMA a 5,65$ potrebbe rappresentare una forte resistenza, sopra la quale è probabile un'impennata fino alla SMA a 50 giorni.

La nostra opinione sulla coppia EOS/USD diverrà positiva soltanto in caso di chiusura al di sopra della SMA. Potremmo suggerire l'apertura di una piccola posizione nel caso in cui la moneta riuscisse a superare quota 5,65$ in maniera convincente. Fino ad allora consigliamo di rimanere in disparte e attendere.

XLM/USD

Stellar continua ad essere scambiato attorno al fondo del range. Già due volte in passato dei simili consolidamenti hanno portato a forti rialzi.

XLM/USD

Se i rialzisti riusciranno a spingere in alto la moneta, un movimento verso la downtrend line diverrà molto probabile. I prezzi otterranno un ulteriore slancio una volta superata tale resistenza. Per più tempo la coppia XLM/USD rimarrà all'interno del range e più vigoroso sarà il breakout .

Suggeriamo pertanto di aprire posizioni long a 0,25$ nel caso in cui i prezzi riuscissero a sostenere questo livello per almeno quattro ore. Lo stop loss iniziale può essere piazzato a 0,18$, e spostato verso l'alto quando la moneta si avvicinerà alla downtrend line.

Consigliamo tuttavia di aprire soltanto il 50% delle posizioni abituali. La restante metà potrà essere aggiunta nel caso in cui i prezzi riuscissero a rimanere sopra la downtrend line per almeno un paio di giorni.

La nostra visione rialzista verrebbe invalidata se il valore della criptovaluta dovesse scendere sotto quota 0,184$.

LTC/USD

Il Litecoin viene scambiato all'interno del range da circa 16 giorni. I precedenti tentativi di formare un fondo sono falliti in data 7 agosto, quando i ribassisti hanno spinto la moneta al di sotto del range compreso tra 74$ e 94$.

LTC/USD

Le medie mobili continuano a scendere. Qualsiasi movimento verso l'alto incontrerà una forte resistenza a 62,319$, alla SMA a 50 giorni e alla downtrend line.

La coppia LTC/USD mostrerà i primi segni di ripresa soltanto al superamento della downtrend line. Attenderemo l'inversione del trend prima di suggerire l'apertura di posizioni long.

ADA/USD

Cardano continua ad essere scambiato all'interno di un range compreso tra 0,083192$ e 0,111843$. Gli acquirenti non sembrano particolarmente interessati alla moneta in quanto i prezzi si trovano ancora sotto la EMA a 20 giorni, in questo momento in calo.

ADA/USD

I rialzisti incontreranno delle resistenze nell'area compresa tra la EMA a 20 giorni e la SMA a 50 giorni. La nostra visione sulla coppia ADA/USD diverrà positiva soltanto nel caso in cui i prezzi riuscissero a sostenere un livello superiore a 0,13$ per almeno tre giorni. Fino ad allora, suggeriamo di rimanere in disparte e attendere.

XMR/USD

Monero sta tentando di ottenere un rimbalzo dal solido livello di supporto a 81$. In alto la EMA a 20 giorni, la SMA a 50 giorni e la downtrend line rappresentano tuttavia delle resistenze.

XMR/USD

La coppia XMR/USD non ha ancora superato il downtrend a lungo termine di quest'anno: un breakout potrebbe pertanto indicare una probabile inversione del trend. Consiglieremo l'apertura di posizioni long soltanto al superamento della downtrend line.

Dopo un periodo ribassista tanto esteso, ci piacerebbe assistere a qualche giorno di accumulo ai livello correnti. Acquisteremo la moneta quando il trend cambierà da ribassista a rialzista.

IOTA/USD

Dopo aver consolidato la propria posizioni all'interno di un range ristretto per circa 10 giorni,  IOTA sta ora tentando di superare la EMA a 20 giorni. In caso di successo, i prezzi potrebbero raggiungere prima quota 0,6872$ e successivamente la SMA a 50 giorni.

IOTA/USD

Poiché già da svariate ore i prezzi si trovano al di sopra del range e della EMA a 20 giorni, i trader possono acquistare la coppia IOTA/USD ai livelli correnti, mantenendo uno stop loss a 0,46$.

Tuttavia, nel caso in cui i ribassisti riuscissero a spingere i prezzi sotto 0,46$, il valore della coppia potrebbe scivolare fino a 0,4037$.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.