L'Argentina impone un limite di 10.000$ sui capitali stranieri. 'Comprate Bitcoin', consigliano gli esperti

L'Argentina ha nuovamente introdotto dei controlli sui capitali, al fine di limitare la libertà dei cittadini e delle imprese di acquistare valute straniere. Questa decisione, spiega il portale d'informazione Bloomberg, è probabilmente legata alle notevoli perdite recentemente registrate dal peso argentino rispetto alle principali valute legali, come il dollaro statunitense.

Acquisto di valuta estera limitato a 10.000$ per cittadino

Negli ultimi tempi l'Argentina ha dimostrato un notevole interesse in Bitcoin (BTC), utilizzato dalla popolazione per contrastare le incertezze dell'economia locale. Lo scorso mese infatti il prezzo della criptovalute su LocalBitcoins, piattaforma per lo scambio peer-to-peer di monete digitali, è divenuto molto più alto rispetto al resto del mondo.

Ora l'acquisto di valuta straniera è stato limitato ad appena 10.000$ per individuo. Per tale motivo, affermano gli esperti, la domanda per Bitcoin, vale a dire un asset internazionale e impossibile da controllare, potrebbe aumentare ulteriormente.

"Comprate Bitcoin", ha consigliato su Twitter l'avvocato Preston Byrne dopo essere venuto a conoscenza della notizia. 

Draper a favore della legalizzazione di Bitcoin in Argentina

Pare che a marzo di quest'anno Tim Draper, celebre imprenditore statunitense e sostenitore delle criptovalute, abbia consigliato al presidente dell'Argentina di legalizzare il Bitcoin al fine di migliorare la situazione economica del paese. Durante il meeting con l'esponente politico, Draper ha lodato il potenziale delle tecnologie emergenti come blockchain e criptovalute:

"Stavamo parlando di Bitcoin e della svalutazione del peso, e ho proposto una scommessa: se il peso raggiungerà un valore superiore a quello di Bitcoin, allora raddoppierò il mio investimento nel paese. Ma se Bitcoin otterrà un tasso più alto rispetto al peso, allora dovrà essere dichiarata una valuta nazionale."

Secondo Draper, Bitcoin rappresenta una rivoluzione persino più importante di internet. A suo parere si tratta di un ottimo momento per adottare la tecnologia in Argentina, in quando consentirebbe di migliorare notevolmente i sistemi bancari, commerciali e finanziari.