Dubai: Una compagnia di trading di oro rivela ‘il primo deposito cold storage al mondo’ per criptovalute

La Dubai Multi Commodities Center (DMCC) ha concesso a una società di trading di oro di Dubai la prima licenza commerciale del Medio Oriente e la compagnia, in risposta, ha ufficializzato "il primo deposito cold storage al mondo" per criptovalute. Il resoconto è consultabile in un comunicato stampa all'interno del sito della DMCC.

La Regal RA DMCC, la società che ha ricevuto la licenza, è una sussidiaria di Regal Assets, una società di investimenti in oro.

La manager degli uffici di Dubai Regal Assets, Ksenia Kiseleva, ha comunicato che Regal RA sta pensando di richiedere delle licenze per criptovalute anche in altri Stati e che è attualmente impegnata nello sviluppo di una piattaforma di scambi online per tutti i commodity-criptovalute. Kiseleva fa notare che Regal RA vede le criptovalute come "commodity" e non come un metodo di pagamento, riporta Bloomberg.

La DMCC sostiene che gli investitori in criptovalute che scambiano Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH), e altre altcoin saranno presto in grado di conservare le monete offline in ciò che la compagnia definisce il “primo deposito cold storage di commodity-criptovalute del mondo”. Il deposito cold storage di Regal RA è pubblicizzato come uno dei “magazzini di metalli preziosi più sicuri al mondo” e si trova nell'Almas Tower, a Dubai, la zona franca dove ha sede la DMCC. Questa promette inoltre che tutti i crypto asset verranno “assicurati fisicamente” contro disastri naturali e attacchi hacker.

Generalmente per cold storage di criptovalute si intende che la valuta viene conservata offline, direttamente su un wallet hardware, diversamente da un wallet o un servizio di terze parti collegato alla rete che può essere bersaglio di vulnerabilità e truffe.

Sempre questo mese, la Financial Services Regulatory Authority (FSRA) di Abu Dhabi ha annunciato di essere al lavoro per la creazione di regolamentazioni per criptovalute, Initial Coin Offerings (ICO) ed exchange, al momento assenti negli Emirati Arabi Uniti (UAE).

Dubai è già stata in prima linea nell'ambito delle criptovalute in Medio Oriente quando ha annunciato ad ottobre del 2017 che avrebbe rilasciato la sua criptovaluta sostenuta dal governo locale, chiamata emCash.