Il popolare exchange statunitense di criptovalute Coinbase entrerà presto in possesso di un milione di Bitcoin (BTC), un primato per l'industria. Stando ai dati raccolti dalla piattaforma Longhash, attualmente all'interno del cold wallet di Coinbase sono presenti 970.000 BTC, equivalenti a circa 8 miliardi di dollari.

Coinbase a poche settimane dal raggiungere 1.000.000 BTC

Se il tasso di crescita rimarrà invariato, la compagnia dovrebbe superare il traguardo del milione di BTC il mese prossimo.

Bilancio dei cold wallet di Coinbase, da gennaio 2019 ad oggi. Fonte: Longhash

A novembre dello scorso anno l'exchange Binance aveva pubblicato i risultati di un sondaggio posto a 76 investitori istituzionali, utilizzatori della suddetta piattaforma, in merito alle loro abitudini di trading: il 92% ha ammesso che preferisce lasciare le criptovalute sull'exchange piuttosto che spostarle su wallet personali.

Nonostante quindi i numerosi attacchi hacker ai danni degli exchange e tutti gli altri pericoli legati all'affidare le proprie criptovalute ad un ente di terze parti, sembra che una fetta considerevole dei consumatori preferisca non controllare direttamente le monete.

"Più individui e istituzioni dovrebbero imparare come custodire autonomamente i propri fondi", ha a tal proposito commentato Marty Bent, presentatore della trasmissione Tales from the Crypt Podcast.

Proof of Keys non trova sostenitori

Longhash sottolinea che, con oltre 30 milioni di utenti registrati, Coinbase è di gran lunga l'exchange che possiede il maggior numero di Bitcoin. Ma anche le altre piattaforme di trading hanno assistito ad un notevole incremento dei propri bilanci.

I più tenaci sostenitori delle criptovalute criticano fortemente questo fenomeno, in quanto va contro il principio stesso alla base di Bitcoin: affidare la propria ricchezza a qualcun altro equivale a supportare le banche centrali.

Questo mese si è tenuto il secondo evento annuale Proof of Keys, organizzato da Trace Mayer, presentatore del podcast Bitcoin Knowledge, che invita gli HODLer di Bitcoin ad assumere il controllo diretto dei fondi. L'iniziativa, inutile dirlo, non ha riscontrato il successo sperato.

"L'apparente dominio e la costante crescita di Coinbase potrebbe essere dovuta al fatto che la piattaforma attrae parecchi investitori istituzionali o a lungo termine, meno preoccupati delle oscillazioni a breve termine del prezzo", ha spiegato Longhash.