Le ricerche su Google per 'Bitcoin' sono triplicate durante l'ultimo incremento dei mercati

Le ricerche su Google per il termine "Bitcoin" sono triplicate durante l'ultimo incremento dei prezzi: lo confermano i dati raccolti da Google Trends.

Negli Stati Uniti, il tasso di interesse per la principale criptovalute è infatti passato da 30 a 100 nelle ore successive all'improvvisa crescita dei mercati, che per la prima volta quest'anno ha spinto il valore di Bitcoin sopra i 4.500$.

Tasso di interesse nel tempo per il termine "Bitcoin" negli Stati Uniti

Tasso di interesse nel tempo per il termine "Bitcoin" negli Stati Uniti. Fonte: Google Trends

Il tasso d'interesse viene calcolato da un algoritmo, nel quale "i numeri rappresentano l'interesse di ricerca rispetto al punto più alto del grafico in relazione alla regione e al periodo indicati. Il valore 100 indica la maggiore frequenza di ricerca del termine, 50 indica la metà delle ricerche. Un punteggio pari a 0, invece, indica che non sono stati rilevati dati sufficienti per il termine."

In particolare, il maggior numero di richieste è stato registrato in Nigeria, Olanda, Sud Africa, Austria e Svizzera.

Dati simili anche per l'Italia, dove tuttavia il picco di ricerche è stato raggiunto soltanto il giorno successivo, vale a dire quanto Bitcoin è riuscito per la prima volta da novembre dello scorso anno a superare il muro dei 5.000$.

Tasso di interesse nel tempo per il termine "Bitcoin" in Italia

Tasso di interesse nel tempo per il termine "Bitcoin" in Italia. Fonte: Google Trends

Secondo il giornalista Eric Lam, al momento nessun membro dell'industria conosce il reale motivo del recente rialzo dei prezzi. A suo parere l'impennata potrebbe essere legata a Brexit, o persino ad una falsa notizia pubblicata da Finance Magnates come Pesce d'Aprile, secondo la quale la SEC degli Stati Uniti avesse approvato un ETF basato sul Bitcoin.

Ben diversa invece l'opinione dell'analista Tone Vays. A suo parere potrebbe non esistere alcuna reale causa scatenante per la recente crescita dei mercati delle criptovalute, e che non bisognerebbe pertanto ignorare la possibilità di una nuova contrazione in futuro.

Al momento della stesura di questo articolo, Bitcoin oscilla attorno ai 4.979$, in rosso di circa l'1% rispetto alla giornata di ieri.