Hong Kong accelera le ricerche sulle CBDC

L'Hong Kong Monetary Authority (HKMA) sta conducendo delle ricerche sugli usi di una possibile central bank digital currency (CBDC), ossia una valuta digitale emessa dalla banca centrale del Paese.

La notizia, annunciata durante l'Hong Kong Fintech Week, è stata riportata da Ejinsight il 7 novembre. L'agenzia pubblicherà una relazione contenente i risultati nel Q1 2020.

Collaborazione con la Banca Popolare Cinese

HKMA ha anche rivelato di aver siglato un accordo con una società controllata dall'Istituto di valuta digitale della People's Bank of China (PBoC), l'istituzione che secondo molti sarà la prima a livello globale a lanciare una CBDC.

Durante l'evento fintech, Edmond Lau, direttore esecutivo senior di HKMA, ha rivelato alcuni dettagli sulle ricerche della banca nel campo delle CBDC, che pare vengano condotte sotto l'egida del "Progetto LionRock" dal 2017.

Al progetto collaborano Hong Kong Interbank Clearing Ltd. e altre tre banche, nonché il consorzio blockchain R3.

Esso include una proof of concept di una CBDC basata su token, una ricerca sull'emissione di titoli di debito mediante blockchain, una valutazione del potenziale utilizzo delle CBDC nei sistemi di pagamento e l'esplorazione di un possibile modello di emissione a due livelli.

L'HKMA rimane concentrata sulla prospettiva dell'uso di una CBDC per le istituzioni finanziarie piuttosto che per i clienti retail, con un focus particolare per i pagamenti interbancari nazionali, i pagamenti delle società all'ingrosso e i meccanismi di "consegna contro pagamento" nel regolamento dei titoli di debito.

Secondo Lau, gli utenti retail avrebbero già accesso ad una vasta gamma di servizi di pagamenti mobile digitali.

A maggio, HKMA ha anche firmato un protocollo d'intesa con la Bank of Thailand per condurre una ricerca sull'uso di una CBDC per i pagamenti cross-border e i servizi interbancari di consegna contro pagamento tra i due Paesi.

CBDC e decentralizzazione

Come riportato, il cofondatore di Ethereum (ETH) e CEO di ConsenSys Joe Lubin ritiene improbabile che la PBoC decida di implementare gli aspetti decentralizzati della tecnologia blockchain nella sua imminente CBDC.

Ad agosto, il vicedirettore della PBoC Mu Changchun ha rivelato che la CBDC sarà strutturato come un sistema centralizzato a due livelli, il primo controllato dalla PBoC e il secondo dalle banche commerciali del Paese.