Il colosso del mining Bitmain installa 90.000 S9 Antimner in vista dell'hard fork di Bitcoin Cash

In vista dell'imminente hard fork di Bitcoin Cash (BCH), il colosso del mining Bitmain ha installato circa 90.000 Antminer S9 nella regione cinese occidentale dello Xinjiang. Lo riporta il sito di notizie cinese DeepChain.

Come già segnalato, l'hard fork di BCH è previsto per il 15 novembre, e pare che Bitmain abbia intenzione di ricoprire un ruolo strategico nell'imminente "guerra alla potenza di calcolo" mettendosi in contatto con le mining farm della regione dello Xianjing, molto ricca di carbone e, di conseguenza, di energia elettrica.

Secondo quanto dichiarato a DeepChain dall'operatore della mining pool Yu Hao, il gigante cinese sarebbe in contatto con "quasi tutte" le aziende di mining locali già da fine ottobre, per convincerle ad installare quasi 90.000 Antminer S9:

"AntPool ha richiesto che una singola mining farm ospitasse oltre 5.000 macchine. Ma in realtà sono poche le aziende capaci di soddisfare richieste del genere."

Una fonte anonima "a conoscenza dei fatti" ha affermato che "metà del personale di marketing di Bitmain si è recato a Xinjiang per trattare con gli operatori delle mining farm".

Come sottolinea DeepChain, Bitmain ha bisogno di sfruttare l'eccesso energetico nelle regioni ricche di carbone come lo Xinjiang e la Mongolia Interna poiché le centrali idroelettriche nel sud-ovest della Cina non riescono a fornire un quantitativo di energia elettrica sufficiente.

Bitmain, nata a Pechino, è uno dei principali holder di Bitcoin Cash, e sostiene la società Bitcoin ABC, alla guida dell'imminente hard fork. Agli aggiornamenti di scalabilità proposti da ABC si è invece nettamente opposta nChain, guidata da Craig S. Wright, che sostiene di essere "Satoshi Nakomoto" .

Wright appoggia un protocollo BCH noto come Bitcoin-SV (BSV), ma finora le grandi mining pool come BTC.com, AntPool, Btc.top, ViaBTC e Bitcoin.com sembrano preferire la soluzione di Bitcoin ABC.

Non manca, tuttavia, qualche pesce grosso anche tra sostenitori di BSV: tra cui CoinGeek, la più grande mining pool BCH, BMG e SBI.

Recentemente, Binance, la più grande piattaforma di trading di criptovalute al mondo, ha annunciato il suo supporto all'hard fork, cosa che secondo molti ha alimentato l'aumento di prezzo registrato in questi giorni dall'asset.

Al momento della stesura di questo articolo, 1 BCH è scambiato per circa 600,94$, circa il 46,1% in più rispetto al valore dell'1 novembre. Come osserva DeepChain, anche l'exchange di criptovalute Coinbase appoggerà l'upgrade del network.

Intanto, Bitmain continua a competere con altri produttori di miner per mantenere il suo vantaggio tecnologico: questa settimana, l'azienda ha rilasciato due nuovi Antminer con processo produttivo a 7nm, dotati di chip ASIC di nuova generazione.