Un exchange mobile decentralizzato pianifica di risolvere i problemi degli exchange tradizionali

Una compagnia operante nel settore delle criptovalute pianifica il lancio, in data 23 aprile, di "uno dei primi exchange mobile decentralizzati e inter-blockchain". Con questa piattaforma, l'azienda desidera risolvere alcuni dei problemi principali che attualmente affliggono gli exchange centralizzati.

Secondo SovereignWallet Network, M.DEX è stato progettato per risolvere tre grossi problemi che peggiorano usabilità e sicurezza delle transazioni in criptovalute, sia per utenti esperti che per neofiti.

Il primo problema è legato agli exchange centralizzati e alla possibilità che questi subiscano un attacco da parte di hacker. SovereignWallet spiega infatti che numerose piattaforme di scambio effettuano trading virtuale sui propri database, al fine di incrementare la velocità di transazione e ridurre le tariffe: questo tuttavia incrementa esponenzialmente il rischio di hacking. M.DEX sceglie tuttavia un approccio differente, assicurandosi di non prendere mai in custodia gli asset degli utenti: l'azienda afferma infatti che si tratta di una delle prime piattaforme decentralizzate ad implementare "un exchange on-chain wallet-to-wallet". Unendo questo sistema ad un altissimo livello di sicurezza, la compagnia assicura che questo approccio legato unicamente alla blockchain risulta impossibile da manomettere.

Rimozione delle riserve

Il secondo difetto degli exchange centralizzati, che SovereignWallet desidera risolvere, è legato alle difficoltà che spesso si incontrano quando si decide di interagire con altcoin. La compagnia spiega che molte piattaforme, anche importanti, fanno fin troppo affidamento su una riserva di asset come Bitcoin ed Ethereum: questo significa che le monete meno popolari devono essere prima convertite in una di queste due criptovalute, e successivamente scambiate per un'altra altcoin.

SovereignWallet è disponibile qui

A causa di questa situazione, afferma SovereignWallet, gli utilizzatori di altcoin sono costretti a pagare tariffe parecchio salate per il completamento di procedure inutilmente lunghe e complesse. M.DEX mira a risolvere questo problema offrendo "un exchange diretto inter-blockchain": questo significa che i trader dovranno pagare soltanto una commissione, indipendentemente dalla coppia che si desidera scambiare. A questo sistema verrà anche associato un servizio di deposito per il trading peer-to-peer, preservando l'anonimato e risolvendo il dilemma di chi dovrà pagare per primo.

Incoraggiamento all'adozione

Infine, SovereignWallet dichiara che molti exchange tradizionali di criptovalute risultano inutilizzabili per i normali consumatori a causa della loro eccessiva complessità. La volatilità delle monete digitali, e le numerose opzioni presenti su queste piattaforme, potrebbero portare alla perdita di ingenti quantità di denaro da parte degli utenti meno esperti.

L'azienda mira a semplificare l'intero processo offrendo "un prezzo di mercato fisso": M.DEX si occuperà di calcolare i vari tassi di cambio in base al valore di mercato di ogni criptovaluta. In tal modo la compagnia spera di rimuovere gli ostacoli che impediscono l'adozione in massa, dando vita ad un ambiente più simile ad un exchange di valuta straniera che ad una borsa valori.

Tutte le funzioni di M.DEX, conclude SovereignWallet, risulteranno inoltre facilmente accessibili da un unico schermo: questo significa che "gli utenti potranno semplicemente selezionare il token da scambiare in un altro token". A questo punto basta specificare la quantità di criptovalute che si desidera scambiare, e infine autorizzare la transazione.

Scopri di più su SovereignWallet

Avviso. Cointelegraph non sostiene alcun contenuto o prodotto presente su questa pagina. Sebbene puntiamo ad offrire quante più informazioni possibili, i lettori dovrebbero comunque effettuare ricerche approfondite e assumersi le responsabilità delle proprie azioni. Questo articolo non può essere considerato un consiglio d'investimento.