Gli Stati Uniti fondano una nuova unità operativa anticrimine, che porrà particolare attenzione sulle criptovalute

Le frodi con criptovalute saranno un'area di "particolare interesse" per la nuova task force anticrimine recentemente fondata negli Stati Uniti.

La Task Force on Market Integrity and Consumer Fraud, questo il nome dell'unità operativa, tenterà di "fornire maggiori indicazioni sulle indagini e sul perseguimento dei casi di frode ai danni di governi, mercati finanziari e consumatori".

Il documento sottolinea inoltre che la squadra speciale si concentrerà in particolar modo sulla lotta alle "truffe con monete digitali" e al "riciclaggio di denaro [...], frodi al settore sanitario, frodi fiscali e altri crimini finanziari".

La Securities and Exchange Commission (SEC) fa parte dei membri partecipanti al progetto. Jay Clayton, a capo dell'organo governativo, ha dichiarato che la nuova task force permetterà agli enti di regolamentazione di coordinare le proprie attività in maniera molto più efficiente.

"Alla SEC lavoriamo ogni giorno per proteggere gli investitori di Main Steet", ha spiegato.

"Questa unità operativa ci permetterà di stringere una più stretta collaborazione con autorità regolatrici e forze dell'ordine, allo scopo di scoraggiare e combattere le frodi".

Tra gli altri partecipanti della task force troviamo anche il Dipartimento di Giustizia, l'Ufficio Finanziario per la Protezione dei Consumatori e la Commissione Federale del Commercio.

Quest'anno sia la SEC che altri organi di controllo statunitensi, come la Commodity Futures Trading Commission (CFTC), hanno monitorato a fondo il settore delle criptovalute, che assicurarsi che tutti i soggetti interessati rispettassero le leggi vigenti sulle security.