Premio Nobel per l'economia Joseph Stiglitz: "Credo che dovremmo fermare le criptovalute"

In un video della CNBC pubblicato il 6 maggio, il premio Nobel per l'economia Joseph Stiglitz ha ribadito la sua posizione negativa sulle criptovalute.

"In realtà penso che dovremmo fermare le criptovalute", ha dichiarato l'economista nel video, sottolineando quelle che secondo lui sarebbero le principali lacune delle valute digitali come il Bitcoin (BTC).

Secondo Stiglitz, le criptovalute non rappresentano il modo ideale per creare un'economia globale più efficiente a causa della loro scarsa trasparenza. Il Nobel americano ha sottolineato che le monete sono spesso associate ad attività finanziarie illegali come il riciclaggio di denaro, tramite il trasferimento di fondi "da una piattaforma trasparente a una piattaforma oscura".

Stiglitz ha affermato che "non c'è alcun bisogno per qualcuno di ricorrere ad una criptovaluta", poiché una valuta del genere non possiede nessuno degli attributi tipici delle "buone valute", come il dollaro statunitense.

Tuttavia, l'economista di fama mondiale crede in un meccanismo di pagamento elettronico capace di creare un sistema finanziario trasparente. Secondo Stiglitz, avere dei dettagli in tempo reale su quello che le persone spendono consentirebbe di migliorare la gestione macroeconomica e la regolamentazione dell'economia.

Stiglitz aveva già fatto una dichiarazione simile nel 2017, quando sostenette che il bitcoin dovrebbe essere vietato poiché non svolge alcuna funzione socialmente utile e pone solo grandi rischi agli investitori a causa della sua elevata volatilità.

Come riportato di recente da Cointelegraph, il governo indiano sta considerando di mettere completamente al bando le criptovalute, e pare che abbia già avviato delle nuove consultazioni interministeriali su un disegno di legge a riguardo.