Due fratelli israeliani arrestati per l'attacco hacker ai danni dell'exchange Bitfinex

Due fratelli israeliani sono stati arrestati per aver condotto l'attacco hacker ai danni dell'exchange di criptovalute Bitfinex, nonché una serie di truffe tramite phishing: la notizia è stata confermata dal portale d'informazione Finance Magnates.

Un rappresentante della polizia israeliana ha dichiarato che Eli Gigi e suo fratello minore Assaf Gigi sono riusciti ad accumulare decine di milioni di dollari grazie alle proprie attività illecite. I due criminali avevano realizzato cloni di popolari exchange e wallet di criptovalute, con i quali riuscivano ad ottenere le credenziali d'accesso delle proprie vittime, e successivamente inviato i link di queste piattaforme contraffatte su gruppi Telegram e altre comunità dedicate al mondo delle criptovalute.

La maggior parte delle vittime, ha spiegato la polizia, proveniva da Unione Europea e Stati Uniti: per tale motivo, l'indagine ha coinvolto le forze dell'ordine di numerosi paesi.

Recentemente, una vulnerabilità zero-day presente in Firefox è stata sfruttata per lanciare un attacco hacker contro i dipendenti del popolare exchange di criptovalute Coinbase. Philip Martin, ricercatore della compagnia, aveva a tal proposito commentato su Twitter:

"Lunedì, Coinbase ha rilevato e bloccato un tentativo da parte di un utente malintenzionato di sfruttare la vulnerabilità zero-day, che era stata segnalata assieme ad un altro exploit di tipo sandbox escape, per prendere di mira i dipendenti di Coinbase."