Il settore delle ICO mostra chiari segnali di miglioramento, svela una ricerca

Il settore delle Initial Coin Offering (ICO) mostra chiari segnali di miglioramento, probabilmente grazie alla recente crescita dei mercati delle criptovalute. Lo rivelano i dati raccolti da ICObench, piattaforma per la valutazione dei token.

Stando ad un resoconto recentemente pubblicato dall'azienda, non abbiamo assistito soltanto ad un incremento del tasso di successo delle ICO, ma anche ad un forte miglioramento della qualità generale. L'85% dei fondi raccolti nel mese di maggio è infatti andato a progetti con una valutazione molto alta, mentre ad aprile soltanto il 68%.

Gran parte di questi fondi sono stati tuttavia investiti in un unico progetto: la Initial Exchange Offering (IEO) da un miliardo di dollari del popolare exchange di criptovalute Bitfinex. Le IEO rappresentano un modello alternativo alle classiche ICO, e prevedono che un exchange centralizzato si occupi sia di gestire le vendite che di controllare i potenziali investitori.

Per quanto riguarda invece la distribuzione geografica, le Isole Vergini britanniche si trovano alla prima posizione per quantità di fondi raccolti, seguite dalle Isole Cayman. Il Regno Unito è invece il paese che ha contribuito con il maggior numero di ICO (9 progetti), ma si trova soltanto alla settima posizione dal punto di vista dei fondi investiti.

Questo mese Bitfinex ha svelato LEO, l'utility token alla base dell'ecosistema iFinex. La nuova criptovaluta può essere acquistata su Bitfinex in cambio di Tether (USDT), Bitcoin (BTC), Ether (ETH), EOS e dollari statunitensi.