Il presunto hacker di Binance annuncia di essere pronto a pubblicare i dati KYC degli utenti

Il sedicente hacker dietro al presunto furto di dati privati dal popolare exchange di criptovalute Binance si sta preparando al rilascio di nuovo materiale.

Pronto a condividere i dati privati degli utenti

In una serie di messaggi recentemente pubblicati su Twitter, l'utente noto con il nome di Bnatov Platon ha condiviso uno schema che mostra la struttura dei registri Know-Your-Customer (KYC) di Binance, a quanto pare in suo possesso. "Mi sto riscaldando", ha commentato.

Nonostante non sia stata svelata alcuna tempistica precisa riguardo alla data di rilascio di tali informazioni, il presunto hacker ha pubblicato alcuni screenshot di una conversazione su Telegram avvenuta con un altro utente, il quale afferma di lavorare per Binance.

Nessuna prova che l'individuo abbia effettivamente ottenuto i dati KYC di Binance

Nelle scorse settimane si era diffusa la notizia di un presunto attacco hacker ai danni di Binance, che aveva portato al furto dei documenti personali utilizzati dagli utenti durante le procedure KYC. Era improvvisamente emerso un gruppo su Telegram, ora non più esistente, dedicato alla condivisione del materiale sottratto all'exchange.

Changpeng Zhao, CEO dell'azienda, aveva tuttavia smentito la notizia, invitando la comunità a non farsi sopraffare dal FUD. Pare infatti che le immagini condivise sul gruppo di Telegram non contenessero la filigrana digitale adoperata per marchiare i dati interni a Binance, e potrebbero pertanto non essere autentiche.

Binance ha tuttavia ammesso che a febbraio dello scorso anno, per far fronte alla domanda sempre crescente da parte degli utenti, l'azienda si era temporaneamente appoggiata ad un ente di terze parti per accelerare le procedure KYC: i dati potrebbero essere stati sottratti da questa società.