Secondo uno studio legale, Tether avrebbe abbastanza dollari per coprire i suoi token

Secondo quanto riportato nella giornta di oggi da Bloomberg, Tether (USDT) avrebbe finalmente confermato di avere una quantità di dollari sufficiente per coprire tutti i token emessi.

Secondo un'intervista al consigliere generale di Tether Stuart Hoegner, lo studio legale Freeh Sporkin & Sullivan LLP ha avuto accesso a due dei conti bancari di Tether per diverse settimane, e ha rilasciato il quantitativo di dollari in essi contenuto in data 1 giugno, pur non trattandosi di una revisione ufficiale.

Hoegner ha messo in chiaro che i conti bancari non verranno nominati per motivi di privacy, e che lo studio legale ha avuto accesso anche agli estratti conto di impiegati e dirigenti.

Nella sua dichiarazione, lo studio Freeh Sporkin & Sullivan LLP, cofondato dall'ex direttore dell'FBI Louis Freeh, ha specificato:

"FSS non è una società di revisione contabile e non ha condotto la revisione e le conferme sopra riportate utilizzando i principi contabili generalmente accettati [...] FSS ha presupposto, senza ulteriori indagini, che il personale bancario che fornisce le conferme fosse debitamente autorizzato a farlo, e che tali conferme fossero corrette. "

Il consigliere generale di Tether ha affermato che, in data 1 giugno, il totale degli USDT emessi ammontasse a 2,54 miliardi, anche se i dati di Coinmarketcap indicano che ci sono 2,8 mld di monete in circolazione. Secondo quanto dichiarato da Hoegner, il motivo per il quale non è stata condotta una revisione ufficiale sta nel fatto che le grandi società di revisione contabile non accettano clienti che lavorano nel settore delle criptovalute.

Il 6 dicembre, Tether e l'exchange di criptovalute Bitfinex, accomunati dallo stesso amministratore delegato, avrebbero ricevuto delle citazioni in giudizio dai regolatori statunitensi, ma non è ancora chiaro il motivo. La società fu poi poi messa sotto esame dalla comunità cripto quando decise di interrompere ogni collegamento con il suo revisore prima del rilascio di un audit ufficiale.

Tuttavia, a febbraio, uno studio di Bitmex Research ha rilevato che Tether possa effettivamente disporre di riserve di liquidità sufficienti, possibilmente in una banca portoricana.

A fine maggio, Tether ha coniato altri 250 milioni di USDT, riaccendendo la questione delle loro riserve di dollari. Successivamente, uno studio pubblicato questo mese dall'Università del Texas ha riportato Tether sotto i riflettori, accusando sia la criptovaluta che l'exchange Bitfenix di aver manipolato i prezzi di bitcoin (BTC) nel 2017, generando così il record di 20.000$ di dicembre.

In risposta, il CEO di Tether J.L. van der Velde ha dichiarato a Bloomberg che le accuse sono infondate:

"Nonostante le speculazioni, abbiamo coerentemente affermato che Tether è supportata da riserve in USD pari o superiori ai tether in circolazione."

Questa settimana, la presunta manipolazione dei prezzi da parte di Tether ha fatto calare il valore dei future di bitcoin del 55%.