La SEC thailandese rivela che solo 5 ICO su 50 sono

Secondo quanto riportato il 13 giugno dal Bangkok Post, la Securities and Exchange Commission (SEC) della Thailandia ha confermato che cinque ICO sono già pronte a raccogliere fondi attraverso i nuovi regolamenti del paese.

In seguito alle nuove regolamentazioni sulle criptovalute, entrate in vigore il 14 maggio, le ICO dovranno soddisfare tutti i requisiti necessari per la registrazione presso l'ente.

Secondo Thawatchai Kiatkwankul, Direttore delle Finanze Aziendali presso il dipartimento azionario della SEC, su un totale di 50 potenziali candidati, solo cinque ICO sarebbero "pronte" ad operare all'interno del nuovo framework giuridico.

"I progetti che possono essere revisionati facilmente e sono connessi ad attributi commerciali saranno presi in considerazione", ha dichiarato Thawatchai.

Ora, la Thailandia richiede praticamente a tutte le entità che operano nel settore delle criptovalute di registrarsi presso la SEC entro 90 giorni dall'entrata in vigore delle nuove normative.

Ciò include "emittenti di ICO, exchange digitali, broker e business coinvolti in transazioni di asset digitali", conferma il Bangkok Post.

Nello specifico, per le ICO, gli importi degli investimenti effettuati da un singolo investitore non devono superare i 300.000 THB (circa 9.323$), o il 70% del valore totale dei token offerti.

Il mese scorso, la SEC thailandese ha tenuto una conferenza dedicata nella quale ha risposto a varie domande sulle nuove norme, vista la confusione manifestata dalle imprese.