La SEC della Thailandia specifica nuove regolamentazioni su ICO e criptovalute

In data 22 maggio, la Securities and Exchange Commission (SEC) della Thailandia ha tenuto un focus group sulla regolamentazione delle criptovalute, trasmesso in streaming su Facebook Live. L'udienza, come riporta il sito di notizie Siam Blockchain, si è concentrata sull'approccio della SEC verso le attività legate alla criptovalute e alla raccolta di fondi tramite Initial Coin Offering (ICO).

Il gruppo ha specificato che le ICO possono raccogliere fondi solo in Baht thailandesi e in criptovalute autorizzate dalla SEC, ossia quelle che secondo l'ente "sono dotate di sufficiente liquidità e non sono associate al riciclaggio di denaro." I progetti che lanciano le ICO hanno anche bisogno di aderire agli standard KYC e antiriciclaggio.

Siam Blockchain ha inoltre sottolineato che il portale ICO della Thailandia non includerà alcuna Coin Offering internazionale, e che la SEC thailandese non si occuperà delle ICO di stable coin, che sono invece regolamentate dalla banca nazionale.

La settimana scorsa, la SEC thailandese ha rilasciato un framework normativo che definiva le criptovalute "asset e token digitali" conformi alla loro giurisdizione normativa. Il Ministro delle Finanze Apisak Tantivorawong ha affermato che la nuova legislazione supporta le ICO, a condizione che esse siano ufficialmente registrate.

Il 14 maggio, il segretario generale della SEC thailandese ha confermato che saranno introdotte nuove leggi nel quadro normativo. Secondo Siam Blockchain, il 30 maggio si terrà un'altra udienza sulle criptovalute.