Il colosso americano AT&T apre ai pagamenti in criptovaluta tramite BitPay

Da oggi, la compagnia americana AT&T accetterà le criptovalute per il pagamento delle bollette telefoniche online. La notizia è stata annunciata in un comunicato stampa pubblicato il 23 maggio. Il colosso delle telecomunicazioni elaborerà le bollette pagate in criptovaluta utilizzando il servizio di pagamenti BitPay.

BitPay è una piattaforma che converte le criptovalute in denaro tradizionale, già utilizzata da oltre 20.000 aziende. AT&T è la prima azienda degli Stati Uniti nel settore delle reti wireless ad accettare pagamenti tramite BitPay.

Kevin McDorman, vice presidente di AT&T Communications Finance Business Operations, ha dichiarato: "Abbiamo clienti che utilizzano le criptovalute e siamo felici di poter offrire loro la possibilità di pagare le proprie bollette con il metodo che preferiscono".

Verso la fine del 2018, AT&T annunciò di essere al lavoro ad una suite di soluzioni blockchain compatibili con Microsoft Azure e con la piattaforma blockchain di IBM. L'obiettivo della suite è quello di fornire "trasparenza anche alle supply chain più complesse" per i clienti istituzionali di settori quali produzione, vendita al dettaglio e assistenza sanitaria.

La compagnia ha inoltre depositato una domanda di brevetto - pubblicata dal Patent and Trademark Office degli Stati Uniti a dicembre - che descrive una "mappa cronologica dei social media" basata su blockchain, in grado di consentire ad un network come AT&T di raccogliere i dati delle "transazioni" sui social media dei propri iscritti:

"Le mappe cronologiche dei social media qui descritte possono trarre vantaggio dalla natura immutabile e permanente dei registri blockchain per archiviare e fornire accesso a dati che rappresentano le transazioni online che si verificano sulle varie applicazioni social media."