Binance svela su Twitter la primissima versione del proprio exchange decentralizzato

Changpeng Zhao, CEO della celebre piattaforma per lo scambio di criptovalute Binance, ha recentemente svelato su Twitter la primissima versione dell'exchange decentralizzato dell'azienda. Zhao ha tuttavia sottolineato che al momento è meglio "non aspettarsi molto", in quanto il servizio non possiede nemmeno un'interfaccia grafica per gli utenti.

"Una prima versione (grezza, pre-alfa) del Binance Decentralized Exchange (DEX). Viene mostrata emissione, catalogazione e trading di token. È tutto basato su CLI, non esiste ancora una GUI. Un piccolo passo per #BinanceChain, un balzo per Binance".

Non è stata rivelata alcuna data di lancio, e non è ancora chiaro quali volumi tale piattaforma riuscirà a gestire.

Gli exchange decentralizzati, a differenza di quelli centralizzati, permettono agli utenti di mantenere la totale proprietà su fondi e chiavi crittografiche. Tali piattaforme sono inoltre considerate molto più sicure rispetto alle controparti centralizzate, in quanto i fondi non vengono conservati all'interno di un unico "honeypot", vale a dire un allettante punto d'attacco per hacker.

Questo mese Binance ha acquisito Trust Wallet, un portafoglio open-source, anonimo e decentralizzato che supporta Ethereum (ETH) e gli oltre 20.000 token basati su tale piattaforma (ERC20, ERC223 e ERC721). Pare che Binance pianifichi di rendere Trust Wallet il portafoglio predefinito del proprio exchange decentralizzato.

Binance, che ha quest'anno trasferito la propria sede centrale a Malta, è al momento il principale exchange di criptovalute per volume giornaliero di scambi, secondo i dati raccolti da CoinMarketCap. A luglio l'azienda ha supportato il piano di realizzare una banca basata sulla tecnologia blockchain, la cui proprietà sarà tokenizzata: la futura "Founders Bank" apparterrà infatti agli investitori in criptovalute.