Il numero totale di bancomat Bitcoin ha ormai superato i 10.000 in tutto il mondo. 

Secondo AksjeBloggen, società norvegese che si occupa di servizi finanziari, il numero di ATM Bitcoin (BTM) è cresciuto dell'87% nell'ultimo anno, dai 5336 registrati nel settembre 2019. Solo nel 2020 sono stati aggiunti quasi 3.900 nuovi bancomat. Dati di CoinATMRadar mostrano che attualmente ci sono 10.014 ATM in 71 paesi, che consentono agli utenti di acquistare e vendere Bitcoin (BTC) ed altcoin usando contanti. 

Il report di AksjeBloggen precisa:

“Il 2020 ha visto un'impennata nel numero di ATM che supportano le monete digitali con 3.885 nuovi BTM [inaugurati] in tutto il mondo tra gennaio e settembre, un aumento del 67% in nove mesi".

Attualmente gli Stati Uniti sono largamente in testa al mercato globale, con oltre 7.800 BTM. Il Canada è al secondo posto con 869 macchine. A seconda dell’ATM, gli utenti possono acquistare e ritirare le principali criptovalute, tra cui Bitcoin Cash (BCH), Ether (ETH), Dash (DASH), Litecoin (LTC), Zcash (ZEC), Monero (XMR), Dogecoin (DOGE), Tether (USDT) ed XRP.

Tuttavia l'adozione non è in crescita ovunque. I dati di CoinATMRadar mostrano che l'Austria è stato uno dei pochi paesi a registrare una crescita negativa degli impianti dal 2019. Il paese ha attualmente 149 BTM, in calo rispetto ai 244 del settembre 2019. 

Fonte: CoinATMRadar

Il calo potrebbe essere legato al framework normativo, basti pensare a quanto accaduto nella vicina Germania, che ha appena 27 BTM: i proprietari dei bancomat sono ora tenuti a chiedere una licenza di esercizio dall'autorità di regolamentazione finanziaria del paese, BaFin, per poter operare. Le aziende tedesche possono essere ritenute responsabili per gli ATM Bitcoin non autorizzati sulle loro proprietà, indipendentemente da chi li possiede.